isola di pasqua rapa nui

Nessuno sa con certezza quando le prime persone si stabilirono nella remota isola di Rapa Nui, ma la caduta dell’Isola di Pasqua potrebbe essere un ammonimento per tutti. Tra il 1250 e il 1500, quasi 1.000 teste di pietra conosciute come Moai furono scoperte in tutta l’isola. Durante questo periodo, l’Isola di Pasqua era abitata dal popolo Rapa Nui.

Eppure, al momento della scoperta dell’isola da parte degli europei all’inizio del XVIII secolo, le risorse dell’isola stavano diminuendo e la sua popolazione si stava muovendo verso uno stile di vita più semplice e agrario. Alla fine del XIX secolo, sull’isola erano rimasti solo 111 isolani nativi, contro i 3000 del secolo precedente. Da tempo i ricercatori hanno tentato di spiegare cos’è successo alla civiltà Rapa Nui, trovando difetti nella tratta degli schiavi, nell’esaurimento delle risorse e nell’introduzione di malattie europee.

Un team di scienziati internazionali ha ora respinto due delle teorie più popolari e ha invece attribuito la graduale caduta di Rapa Nui a una catena di eventi legati al cambiamento climatico. Le prove archeologiche mostrano che l’isola era rigogliosa e ricoperta di alberi e una varietà di piante quando fu colonizzata per la prima volta. Tutta quella flora è scomparsa, tuttavia, in parte a causa della deforestazione e dell’introduzione di specie non autoctone, come il ratto polinesiano.

Il professor Mauricio Lima dell’Università Católica de Chile di Santiago ha dichiarato: “La storia della popolazione di Rapa Nui è stata piuttosto controversa e ci sono state due grandi ipotesi sul suo sviluppo. Uno di questi è l’ipotesi dell’ecocidio, secondo cui la popolazione ha subito un grande collasso perché ha sovrasfruttato le risorse naturali dell’isola. L’altra ipotesi è che si sia verificato un crollo dopo che gli europei sono arrivati ​​sull’isola. La nostra ricerca mostra che nessuna di queste ipotesi è corretta”.

Un rapporto pubblicato negli Atti della Royal Society delinea una serie di crisi che hanno colpito l’Isola di Pasqua. Il primo si è verificato durante la piccola era glaciale, tra il 1450 e il 1550. Un secondo declino si verificò tra il 1772 e il 1774 quando i primi europei arrivarono a Rapa Nui. Un’altra crisi è stata osservata nel XIX secolo, con l’introduzione della malattia e della schiavitù.

isola di pasqua rapa nui

La pioggia potrebbe aver influenzato la popolazione dell’isola

I risultati suggeriscono che non c’era equilibrio tra gli abitanti dell’isola e le sue risorse naturali, e non c’è stato un grande incidente nella popolazione. I ricercatori hanno raccolto dati come le variazioni climatiche nel Pacifico, i dati degli scavi archeologici e i cambiamenti nella popolazione e nell’agricoltura nel corso dei secoli. I loro risultati sono stati poi combinati in un unico modello basato sulla teoria dell’ecologia della popolazione.

Il professor Nils Stenseth, un biologo presso l’Università di Oslo, ha dichiarato: “Abbiamo utilizzato questo modello diverse volte in precedenza, quando volevamo identificare le ragioni alla base dei cambiamenti nelle popolazioni di altre specie animali come piccoli roditori o specie ittiche. Si trattava di una piccola popolazione umana su una piccola isola con risorse limitate, e sembrava ovvio che il modello potesse produrre risultati interessanti”.

Ha aggiunto: “Per capire cosa succederà a una popolazione in un momento futuro, devi sapere cos’è successo prima”. I ricercatori di Oslo hanno stabilito che il declino dell’Isola di Pasqua è legato agli effetti a lungo termine del cambiamento climatico sulla capacità di produzione alimentare dell’isola. L’Isola di Pasqua, situata appena ad ovest del Cile, è fortemente influenzata dal riscaldamento e dal raffreddamento delle temperature del mare, soprannominate rispettivamente El Nino e La Nina. E secondo il nuovo rapporto, l’Isola di Pasqua è più sensibile a La Nina, il che porta a una diminuzione delle precipitazioni sull’isola.

I ricercatori hanno scoperto che i modelli di pioggia a lungo termine per periodi di circa 400 anni hanno influenzato il modo in cui le popolazioni dell’isola sono cresciute e hanno consumato le risorse. Il professor Lima ha detto: “La popolazione di Rapa Nui viveva – e vive – su un’isola piccola e remota con risorse limitate, e noi stessi viviamo su un pianeta piccolo e remoto con risorse limitate. Una delle lezioni da questo studio è l’importanza delle interazioni tra cambiamento climatico, dimensione della popolazione umana e cambiamenti nell’ecosistema”.

L’esperto ha aggiunto: “Questi tre fattori hanno influenzato la popolazione di Rapa Nui, e sono importanti anche su scala globale. Abbiamo studiato Rapa Nui e la sua storia perché stiamo cercando di capire cosa sta succedendo al pianeta. Tutti parlano del cambiamento climatico e dei problemi che ne derivano, ma pochissime persone parlano dell’aumento della popolazione globale e dei problemi che provoca”. Il professor Stenseth è d’accordo: “La popolazione umana sul pianeta Terra è sotto l’influenza di processi ecologici, proprio come qualsiasi altra specie animale in un ambiente limitato”.