cani selvatici africani

Alcuni anatomisti hanno identificato una prima cifra vestigiale nella zampa anteriore del cane selvatico africano e documentano gli adattamenti anatomici al suo stile di vita unico di corsa a lunga distanza e predazione esaustiva.

Noti per il loro stile di caccia unico, spesso indicato come “predazione esaustiva”, in cui inseguono la loro preda fino allo sfinimento, piuttosto che cacciare usando velocità, forza o furtività.

 

Cani selvatici africani, una specie davvero sorprende

Sono anche unici tra i cani clade per avere solo quattro cifre intere sulle zampe anteriori. Fino a poco tempo fa, non era chiaro come queste caratteristiche comportamentali e anatomiche uniche avrebbero influenzato la morfologia degli arti anteriori. Il cane selvatico africano, noto anche come cane dipinto africano o cane da caccia del Capo, è originario dell’Africa meridionale e orientale e classificato come minacciato dall’Unione internazionale per la conservazione della natura.

Usano comportamenti di caccia sofisticati e coordinati in cui alcuni branchi decidono come gruppo di cacciare e comunicare il loro voto tramite “starnuti”. Hanno anche uno stile di vita nomade con branchi che viaggiano fino a 50 km al giorno e aree geografiche estese da 560 a 3000 km quadrato. Queste specie differiscono anche dalle altre specie di canidi in assenza di una prima cifra completamente formata, che può consentire una maggiore velocità e lunghezza del passo, facilitando l’inseguimento della preda a lunga distanza.

Nello studio studio pubblicato su PeerJ , un team di anatomisti ha scoperto un primo metacarpo piccolo e rudimentale in profondità nella pelle del cane selvatico africano. Sorprendentemente, questa specie non è completamente tetradattile come si pensava in precedenza, ma ha invece una cifra rudimentale 1.

cani selvatici africani

Come la conformazione fisica può farci capire uno stile di vita

Prima di questo studio, la prima cifra vestigiale del cane selvatico africano non era mai stata descritta. L’inaspettata cifra ridotta si traduce in una riconfigurazione di alcuni dei muscoli degli arti anteriori associati per aiutare con le funzioni propriocettive. Secondo Heather F. Smith, autrice principale dello studio, “ora non solo sappiamo che questa cifra vestigiale esiste, ma come la sua presenza riorganizza e ripropone completamente i muscoli tipicamente associati alla prima cifra“.

Inoltre hanno scoperto un robusto legamento del polso che può fungere da puntone, aiutando con la flessione passiva e il rimbalzo dell’avampiede. Questo legamento teso fornisce una propulsione non muscolare durante il push-off della zampa anteriore, il che può aiutare a sostenere la corsa di resistenza e prevenire l’affaticamento dei muscoli del polso.

Questa morfologia è simile in funzione ai legamenti sospensori del “piede elastico” del cavallo, che fornisce un’azione “elastica” passiva assorbendo e trasferendo le forze sperimentate durante la locomozione. Sono stati identificati anche molti altri adattamenti muscolari alla corsa di resistenza a lunga distanza nei muscoli degli arti anteriori, inclusi muscoli rotatori del polso relativamente ridotti e legamenti spessi che legano il radio e l’ulna, con conseguente maggiore stabilità del polso e dell’avambraccio.

Diversi muscoli associati all’immagazzinamento di energia elastica della stabilità articolare durante la locomozione sono anche espansi rispetto ad altre specie. Secondo Smith, “Questo è il primo studio approfondito dell’anatomia della zampa anteriore del cane selvatico africano e dimostra molteplici meccanismi adattativi della corsa di resistenza, inclusa la riconfigurazione dei muscoli degli arti anteriori, dei legamenti e persino delle ossa, che funzionano in modo sincrono per facilitare il corsoriale. stile di vita di questa specie affascinante “.