covid india vaccino

Gli scienziati dell’Indian Institute of Science Education and Research (IISER) di Calcutta hanno decodificato le varie strutture dinamiche della proteina spike, le sporgenze sul virus Covid-19 che lo aiutano a infettare le cellule umane. La ricerca, dicono gli scienziati, può servire come “ricetta” per gli sviluppatori di vaccini Covid-19.

La maggior parte dei vaccini sviluppati in tutto il mondo funziona su un semplice principio di base: esporre il corpo alla proteina spike – che costituisce le sporgenze viste sulla superficie esterna del nuovo coronavirus – per ingannare il corpo facendogli credere di essere stato attaccato da un patogeno e quindi innescare una risposta immunitaria.

Per questo motivo, la struttura 3D della proteina spike è stata una delle prime ad essere completamente studiata e caratterizzata, e anche adesso i ricercatori stanno cercando di imparare il più possibile sulle proteine ​​spike di SARS-CoV-2.

covid india vaccino

La svolta dell’IISER

La stabilità di ogni struttura biomolecolare è governata da un parametro chiamato ‘energia libera’ che è fondamentale per capire come la molecola reagirà con l’ambiente circostante. Ciò che gli scienziati dell’IISER di Kolkata hanno fatto è descrivere questo profilo di energia libera per diverse strutture della proteina spike SARS-CoV-2.

Susmita Roy, assistente professore di IISER – Kolkata, ha riferito che le proteine ​​spike sono costituite da tre catene intrecciate di amminoacidi, sostanzialmente i mattoni delle proteine. Le interazioni tra queste catene provocano una serie di dinamiche davvero uniche all’interno delle proteine ​​spike, che Roy descrive come la “danza della proteina spike”. Queste interazioni possono far sì che le estremità superiori di ciascuna catena di amminoacidi si dispieghino in una posizione “su” o si pieghino in una posizione “giù”. Il continuo passaggio dalle posizioni in alto a quelle in basso costituisce la “danza”.

In uno studio pubblicato su The Journal of Physical Chemistry Letters , il team ha identificato gli stati in cui è più probabile che le proteine ​​spike aiutino il Covid-19 ad agganciarsi per ospitare cellule umane. “Quando le catene sono verso l’alto, sono più esposte, il che le aiuta a trovare e legarsi ai recettori delle cellule ospiti”, ha detto Roy.

Secondo i ricercatori, questi stati innescano la risposta immunitaria del corpo umano e quindi comprenderli può aiutare a progettare vaccini che inducono una migliore risposta immunitaria. Il team ha utilizzato i dati esistenti sulla struttura della proteina spike per trovare l’‘energia libera’ associata alle diverse strutture e ha determinato quali strutture portano a una maggiore affinità verso i recettori ACE2, l’enzima con cui la proteina spike si lega per entrare in cellule umane.

“Nel nostro studio, abbiamo trovato tutti i possibili insiemi strutturali nelle proteine ​​spike. Abbiamo scoperto che quando una o due catene sono attive, i recettori ACE2 possono legarsi molto bene “, ha detto Roy.