App Store applicazioni

Vi è mai capitato di aprire un’app, utilizzarla per un determinato periodo di tempo e, ad un certo punto, vedervi comparire un messaggio pop-up che vi chiede di valutarla? Ebbene si, potrà sembrare che questo sia comparso per caso ma, in realtà, è frutto di uno studio molto articolato. E’ emerso, infatti, che gli sviluppatori di app manipolano gli utenti in modo da farli votare positivamente tramite questi pop-up. Come funziona il tutto?

A spiegare il fenomeno nel dettaglio, il Financial Times. App con un elevato numero di valutazioni positive si trovano in alto nelle classifiche di App Store. Ciò, si proietta in un maggior numero di download da parte degli utenti. Apple da anni combatte, riuscendoci perfettamente, i bot che mettono like falsi e recensioni false. E’ a ragione di ciò che gli sviluppatori hanno dovuto trovare un altro metodo per dare un boost ai punteggi delle loro applicazioni.

 

App: ecco come ti strappano una recensione a 5 stelle

Tutto è iniziato quando Apple ha introdotto la possibilità di votare le applicazioni tramite i pop-up interni alle app stesse. Questa novità, oramai presente da qualche anno, ha aperto un vero e proprio mondo per gli sviluppatori. Bisogna farci solo un po’ di attenzione per rendersene conto. I pop-up sono mirati e compaiono solo nel momento in cui l’utente è più propenso a dare una valutazione positiva. Ad esempio, un’app di notizie non chiederà mai una valutazione dopo aver letto una notizia triste. Un’app di videogiochi, invece, chiederà un voto solamente dopo una partita vinta.

Di esempi di questo tipo se ne potrebbero fare una marea. E’ questo, un astuto modo per cercare di “boostare” le votazioni dagli utenti. Dai dati analizzati, pare che il metodo stia funzionando alla perfezione. L’App Store, ad oggi, è pieno di applicazioni con punteggi altissimi. Il rischio è che le famose 5 stelline non rappresentino più l’effettiva qualità delle applicazioni. Al momento, Apple non ha proferito nessuna parola riguardo il fenomeno. Come agirà? Restate in attesa per eventuali aggiornamenti a riguardo.