Plant Jammer

Ci troviamo spesso in condizioni critiche, che non sappiamo che fare a cena perché non siamo riusciti a fare la spesa? Magari abbiamo pochi ingredienti e non sappiamo come abbinarli? Nessun problema affidiamoci a Plant Jammer.

Un’app che grazie all’intelligenza artificiale e a ciò che hai nel frigo ti trova una buonissima ricetta per una buona cena. Cerca tre milioni di ricette per trovare oggetti spesso abbinati. Quindi consulta una libreria di ingredienti che l’azienda ha assunto da chef professionisti per raggruppare in base al gusto. Infine, il software impara da questi dati ed elabora nuove ricette.

 

Plant Jammer, un’app che prepara la cena grazie all’intelligenza artificiale

Michael Haase, il fondatore di Plant Jammer, afferma che questo ultimo passaggio è ciò che rende unica la sua app. Le app di ricette tradizionali sono alimentate da database: elenchiamo ciò che abbiamo nel frigorifero e l’app invia una ricetta preesistente trovata sul web.

Questo è il vecchio modo“, afferma Haase. In realtà stiamo costruendo nuove ricette da zero ogni volta con un’intelligenza artificiale. “Questo sarà il futuro“. Plant Jammer è una delle poche app di ricette, distributori di alimenti e persino società di eventi che si stanno rivolgendo all’intelligenza artificiale per ottenere un vantaggio nell’industria alimentare.

È disponibile un abbonamento privilegiato, a cui si iscrive circa il 5% degli utenti, pagando per l’esecuzione dell’app. Plant Jammer vende anche piani di abbonamento ai supermercati, offrendo ingredienti alternativi alle ricette del loro sito web.

Plant Jammer

L’intelligenza artificiale impara a prevedere quanto sarà buono un prodotto

Quindi, se vuoi renderlo vegano, senza glutine o thailandese, possiamo modificare qualsiasi ricetta“, afferma Haase. Spera che Plant Jammer offra alle persone la possibilità di padroneggiare una cucina vegetariana meno dispendiosa. Anche i produttori di alimenti confezionati si sono rivolti all’intelligenza artificiale.

Analytical Flavor Systems è una società di ricerca e sviluppo di New York che utilizza l’intelligenza artificiale per consigliare le aziende alimentari sul miglioramento dei loro prodotti o sulla creazione di nuovi, comprese le bevande. La sua piattaforma AI Gastrograph è in grado di prevedere il sapore, l’aroma e la consistenza di cui una bevanda avrebbe bisogno per soddisfare qualsiasi preferenza alimentare regionale. “L’abbiamo fatto nel modo più duro“, afferma il fondatore Jason Cohen, che ha trascorso gli ultimi 10 anni a eseguire test di gusto in tutto il mondo.

Ogni giorno, la sua giuria di 50 degustatori prova due o tre volte al giorno diversi prodotti alimentari confezionati. Prima del Covid-19, avevano anche una squadra itinerante che visitava un paese diverso ogni settimana per testare le preferenze regionali. “Ciò che le persone gustano è meno importante di ciò che percepiscono quando assaggiano“, dice il signor Cohen, un ex sommelier di tè, che aggiunge “la percezione è una cosa molto facile con cui giocare“.

Il software di intelligenza artificiale passa attraverso centinaia di decisioni fino a quando non impara a prevedere quanto sarà buono un prodotto, in base al gusto del prodotto, ai panel test e ai gusti regionali.