covid-19 bambini

A mesi dall’inizio della pandemia Covid-19, la comunità scientifica sta rapidamente diffondendo informazioni sul coronavirus nei bambini. I primi dati suggeriscono che i bambini sono relativamente meno colpiti degli adulti.

Quando i bambini acquisiscono questa infezione virale, è più probabile che siano asintomatici o che abbiano sintomi lievi. Di conseguenza, è meno probabile che richiedano il ricovero in ospedale rispetto agli adulti. Quei pochi bambini ricoverati hanno meno probabilità di aver bisogno di cure in unità di terapia intensiva. A differenza di molti altri virus respiratori, questa malattia non sembra colpire gravemente i bambini.

 

Covid-19, correlazione tra virus e i bambini

Non ci sono prove che suggeriscano che i bambini non contraggano questa infezione. C’è stato un interessante studio basato sulla popolazione in Islanda in cui i bambini di età inferiore ai 10 anni avevano meno probabilità di essere positivi per il virus mediante il test della reazione a catena della polimerasi rispetto ai bambini di età superiore ai 10 anni.

Se i bambini sono meno suscettibili, non sappiamo esattamente perché. Non ci sono prove scientifiche che i bambini abbiano meno probabilità di contrarre il virus. Esistono speculazioni sui fattori di immunità relativa derivanti dalla loro frequente esposizione ad altri coronavirus. Una volta che i bambini contraggono il virus, è chiaro che per qualche motivo non tendono a sviluppare una malattia così grave.

Ciò può essere correlato al modo in cui funziona la risposta immunitaria dei bambini rispetto agli adulti o alla loro salute sottostante. In generale, i bambini sono più sani all’inizio e spesso hanno meno comorbidità rispetto agli adulti.

Non conosciamo le conseguenze a lungo termine di questo virus. Siamo fiduciosi che dal momento che i bambini stanno manifestando una malattia più lieve ora, non avranno risultati significativi a lungo termine. Nel gruppo polmonare, stiamo seguendo tutti i bambini positivi a Covid-19 e monitorando la loro funzione polmonare in modo da poter comprendere meglio i risultati a lungo termine.

Sebbene rara, una malattia grave è ancora possibile. Vogliamo anche evitare catene di trasmissione. Anche se un bambino non si ammala, potrebbe trasmettere la malattia a qualcuno che è più vulnerabile. Sebbene alcuni dati suggeriscano che i bambini hanno meno probabilità di essere fonti dell’infezione, i bambini potrebbero comunque essere una fonte di trasmissione.

Uno sviluppo inaspettato nella pandemia Covid-19. A partire da marzo, i bambini hanno iniziato ad essere ammessi in numero molto maggiore con quella che sembrava una malattia di Kawasaki. Tuttavia, i bambini si presentavano molto più malati del solito con la malattia di Kawasaki per quanto riguarda l’ipotensione, i segni di shock e lo sviluppo di aneurismi dell’arteria coronaria.

covid-19 bambini

I bambini si riprendono prima degli adulti

Questi casi di sindrome infiammatoria nei bambini sembrano seguire il picco dei casi acuti Covid-19 adulti da tre a sei settimane negli epicentri urbani densi. Queste definizioni includono febbre, infiammazione, segni di coinvolgimento d’organo, sintomi gastrointestinali prominenti inclusi dolore addominale, vomito e diarrea. Possono verificarsi eruzioni cutanee.

Mentre stiamo imparando a gestire questa sindrome, sembra che alcuni bambini possano essere gestiti come pazienti ambulatoriali. Per ora, continuiamo ad avere un giusto livello di vigilanza finché non individuiamo i fattori di rischio per la gravità della malattia. In generale, raccomandiamo la valutazione da parte di un operatore sanitario con studi di laboratorio precoci che utilizzano una soglia piuttosto bassa. Con studi di laboratorio e alcune osservazioni, possiamo determinare se i bambini possono riprendersi a casa.

Non conosciamo ancora la prognosi a lungo termine nella maggior parte di questi bambini. Sappiamo che con la terapia immunomodulante, la maggior parte della disfunzione sistolica ventricolare migliora. La maggior parte delle serie ha riferito che entro tre o quattro giorni, il 75% o più dei bambini stanno meglio dal punto di vista dell’ecocardiogramma e dello shock.

Il farmaco antivirale Remdesivir, originariamente studiato contro l’Ebola, mostra alcune promesse nei primi risultati. Non è efficace contro l’Ebola, ma in alcuni primi risultati degli studi Covid-19 per adulti, sembra correlare con un recupero più rapido, in particolare se iniziato prima nel corso della malattia. Questo è anche un farmaco utilizzato nei casi pediatrici. È solo IV, quindi si limita naturalmente ai soli pazienti ospedalizzati.

Detto questo, non disponiamo di dati pediatrici sull’efficacia di Remdesivir. Potrebbe essere diverso. Poiché i bambini tendono a riprendersi, il beneficio potrebbe essere minore. Allo stesso tempo, sembra un farmaco relativamente sicuro, il che è fantastico. Ci saranno ulteriori informazioni pediatriche.