alieni stelle

Gli scienziati hanno cercato fino ad oggi civiltà extraterrestri scansionando circa 10,3 milioni di stelle usando un radiotelescopio in Australia, ma per ora non hanno trovato nulla. Si tratta della più ampia ricerca fatta finora. Gli esperti stanno cercando prove di vita al di là del nostro sistema solare sotto forma di segnali di comunicazione provenienti da esseri alieni definiti “tecnofirme”.

Utilizzando il telescopio Murchison Widefield Array (MWA) nell’entroterra dell’Australia occidentale, hanno cercato le emissioni radio a bassa frequenza – frequenze simili alla radio FM – dalle stelle nella costellazione di Vela. I risultati sono stati pubblicati questa settimana in Publications of the Astronomical Society of Australia.

“Non sorprende che non abbiamo trovato qualcosa. Ci sono ancora così tante variabili sconosciute”, ha detto l’astrofisico Chenoa Tremblay. “La ricerca della vita al di fuori del nostro sistema solare è una grande sfida”, ha aggiunto Tremblay. “Non sappiamo quando, come, dove o che tipo di segnale possiamo ricevere per ottenere un’indicazione che non siamo soli nella galassia.”

alieni stelle

La “caccia” agli alieni è appena iniziata

Sebbene la ricerca fosse 100 volte più profonda e più ampia che mai, secondo l’astrofisico Steven Tingay della Curtin University in Australia e l’International Center for Radio Astronomy Research, ha coinvolto relativamente poche stelle in termini cosmici. “Dieci milioni di stelle sembrano tante. Tuttavia, la nostra migliore valutazione è che ci sono circa 100 miliardi di stelle nella galassia della Via Lattea. Quindi abbiamo esaminato solo lo 0,001% circa della nostra galassia”, ha detto Tremblay. “Fingiamo che gli oceani contengano solo 30 pesci e che abbiamo provato a cercarli testando un’area delle dimensioni di una piscina. Le possibilità di trovare uno di quei pesci sarebbero state poche.”

L’MWA è un precursore di un altro strumento, lo Square Kilometre Array (SKA), che in un prossimo futuro promette di aumentare la ricerca di tecnofirme. “Ciò che è importante è migliorare costantemente le tecniche e andare sempre più in profondità”, ha detto Tingay. “C’è sempre la possibilità che la prossima osservazione sia quella che farà emergere qualcosa, anche se non ti aspetti nulla. La scienza può essere sorprendente, quindi l’importante è continuare a cercare”.