ia scacchi

Gli scacchi hanno una reputazione di logica fredda, ma Vladimir Kramnik ama il gioco per la sua bellezza. “È una specie di creazione”, dice. La sua passione per l’abilità artistica delle menti che si scontrano sul tabellone, scambiando provocazioni e contromisure complesse, ma eleganti, lo ha aiutato a distruggere Garry Kasparov nel 2000 e a trascorrere diversi anni come campione del mondo.

Eppure Kramnik, che si è ritirato dagli scacchi competitivi lo scorso anno, crede anche che il suo amato gioco sia diventato meno creativo. In parte incolpa i computer, i cui calcoli senz’anima hanno prodotto una vasta libreria di aperture e difese che i giocatori di alto livello conoscono a memoria.

Mercoledì, Kramnik ha presentato alcune idee su come ripristinare parte dell’arte umana negli scacchi, con l’aiuto di una fonte controintuitiva: il computer di scacchi più potente del mondo. Ha collaborato con il laboratorio di intelligenza artificiale Alphabet DeepMind, i cui ricercatori hanno sfidato il loro software di gioco superumano AlphaZero per imparare nove varianti di scacchi scelte per scuotere i giocatori in nuovi schemi creativi.

Nel 2017, AlphaZero ha dimostrato di poter insegnare a se stesso a battere i migliori giocatori di computer a scacchi, Go o nel gioco giapponese Shogi. Kramnik afferma che i suoi ultimi risultati rivelano nuove prospettive seducenti degli scacchi da esplorare, se le persone sono disposte ad adottare alcune piccole modifiche alle regole stabilite.

Il progetto ha anche mostrato una modalità più collaborativa per il rapporto tra giocatori di scacchi e macchine. “I motori scacchistici sono stati inizialmente costruiti per giocare contro gli umani con l’obiettivo di sconfiggerli”, afferma Nenad Tomašev, un ricercatore di DeepMind che ha lavorato al progetto. “Ora vediamo un sistema come AlphaZero utilizzato per l’esplorazione creativa in tandem con gli esseri umani piuttosto che in opposizione a loro.”

 

Le nuove varianti creative di AlphaZero

Negli scacchi, AlphaZero inizialmente non sa di poter prendere i pezzi di un avversario. Nel corso di ore di gioco ad alta velocità contro incarnazioni successive più potenti di se stesso, diventa più abile, e per alcuni occhi più naturale, dei precedenti motori scacchistici. Nel processo riscopre idee viste in secoli di scacchi umani e aggiunge un tocco tutto suo. Il gran maestro inglese Matthew Sadler ha descritto lo studio dei giochi di AlphaZero come “scoprire i taccuini segreti di un grande giocatore del passato”.

Le nove visioni alternative degli scacchi che AlphaZero ha testato includevano gli scacchi senza arrocco, a cui Kramnik e altri avevano già pensato, e hanno avuto il suo primo torneo dedicato a gennaio. Elimina una mossa chiamata arrocco che consente a un giocatore di nascondere il proprio re dietro uno schermo protettivo di altri pezzi, una potente fortificazione che può anche essere soffocante. Cinque delle varianti hanno alterato il movimento dei pedoni, questi possono muoversi fino a due caselle alla volta durante il gioco, invece che solo alla loro prima mossa.

Kramnik ha visto lampi di bellezza nel modo in cui AlphaZero si è adattato alle nuove regole. Gli scacchi senza arrocco hanno provocato nuovi e ricchi schemi per mantenere il re al sicuro, ha riferito. Un cambiamento più estremo, gli scacchi auto-cattura, in cui un giocatore può prendere i propri pezzi, si è rivelato ancora più allettante. La regola offre effettivamente a un giocatore più opportunità di sacrificare un pezzo per andare avanti, dice Kramnik, una tattica considerata da secoli un segno distintivo del gioco elegante. “Tutto sommato rende il gioco più bello”, ha detto.

ia scacchi

Le nuove regole potrebbero spingere i giocatori a riscoprire l’elegante mondo degli scacchi

Kramnik spera che le avventure di AlphaZero in forme aliene di scacchi convincano i giocatori di tutti i livelli a provarli. “È il nostro dono al mondo degli scacchi”, ha dichiarato. Adesso potrebbe essere un momento opportuno. Gli scacchi hanno guadagnato popolarità per anni, ma hanno subito una spinta pandemica poiché molte persone hanno cercato nuovi stimoli intellettuali, afferma Jennifer Shahade, due volte campionessa di scacchi negli Stati Uniti. Anche l’interesse per Chess960 è cresciuto, suggerendo un appetito per nuovi tipi di gioco, anche da parte di alcune superstar.

Come Kramnik, Shahade ha visto cose simili in diverse varianti testate da AlphaZero, anche se cambiamenti come il consentire ai pedoni di muoversi lateralmente sembravano “sconvolgenti”. Se dovesse guadagnare trazione, alcuni giocatori vorranno comunque fare affidamento sui computer e su ricerche approfondite per andare avanti, ma il ripristino del ciclo potrebbe essere affascinante da guardare. “Le scoperte sarebbero fresche – potrebbero essere molto eccitanti e avvantaggiare un diverso tipo di giocatore”, dice Shahade, che è anche direttrice del programma femminile presso la Federazione Statunitense di Scacchi.

Il progetto di DeepMind e Kramnik potrebbe anche incoraggiare gli scacchi per computer a diventare più creativi, ora che le macchine sono imbattibili. “Invece di rendere più forti gli scacchi al computer e distruggere gli umani, possiamo concentrarci sugli scacchi come un’arte sotto forma di gioco”, afferma Eli David, ricercatore presso l’Università Bar-Ilan in Israele che ha costruito motori scacchistici basati sull’apprendimento automatico per conto suo. Un dottorando nel suo laboratorio sta lavorando a un software di scacchi che impara a imitare lo stile di un particolare giocatore, il che potrebbe rendere possibile chiedere a una macchina cosa farebbe un gran maestro del passato o del presente preferito in una particolare situazione.

L’esperienza di Kramnik suggerisce che il fatto che gli umani lavorino con le macchine, non contro, può espandere l’esperienza emotiva oltre la tecnica del gioco. AlphaZero lo ha portato in posti al di fuori della sua vasta comprensione. “Dopo tre mosse semplicemente non sai cosa fare”, dice. “È una bella sensazione, come se fossi un bambino.”