asteroide terra

Un astronomo dilettante brasiliano ha scoperto il grande asteroide potenzialmente pericoloso che è passato in sicurezza dalla Terra questa settimana. Chiamato 2020 QU6, misura circa 1.000 metri di larghezza, o abbastanza grande da causare una catastrofe globale se dovesse colpire la Terra.

Fortunatamente non ha rappresentato alcun rischio per il nostro pianeta mentre ha viaggiato oltre il pianeta a una distanza di oltre 40 milioni di chilometri, che è più di 100 volte la distanza tra la Terra e la luna, secondo una dichiarazione del Planetary Society.

asteroide terra

Terra, un nuovo asteroide potenzialmente pericoloso ha sfiorato il nostro pianeta

Nelle notizie, si sente sempre più spesso parlare di scoperte di asteroidi principalmente perché stiamo migliorando nel trovare e tracciare asteroidi vicini alla Terra“, ha detto nella dichiarazione Bruce Betts, capo scienziato della società. “Non ci sono improvvisamente più asteroidi, stiamo solo migliorando nel vederli.”

L’asteroide 2020 QU6 è stato scoperto il 27 agosto dall’astronomo dilettante Leonardo Amaral presso l’osservatorio Campo dos Amarais in Brasile. Nel 2019, Amaral ha ricevuto una sovvenzione di 8.500 dollari per acquistare migliori attrezzature per telescopi che gli avrebbero consentito di trovare, tracciare e caratterizzare gli oggetti vicini alla Terra in modo più efficace.

La posizione di Amaral nell’emisfero australe offre anche un punto di osservazione unico per trovare un asteroide così grande, poiché molti rilievi del cielo professionali di caccia agli asteroidi si trovano nell’emisfero settentrionale. Mentre la NASA e altre importanti agenzie tracciano gli asteroidi, la scoperta dell’asteroide 2020 QU6 così vicino al suo approccio alla Terra serve a ricordare la necessità di supportare gli astronomi terrestri come Amaral.

Casey Dreier, capo sostenitore e consulente senior, ha anche notato l’importanza di investire in nuove capacità spaziali, come la missione di sorveglianza NEO della NASA , o NEOSM, che è un telescopio spaziale progettato per trovare e tracciare minacce vicine. “Questa scoperta ci ricorda che anche se abbiamo trovato NEO più grandi non li abbiamo trovati tutti“, ha detto Dreier nella dichiarazione.