bibbia ia analisi forense

Chi ha scritto la Sacra Bibbia e quando? Un rivoluzionario studio archeologico, condotto dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv, potrebbe fornire una risposta ad entrambe le domande. La ricerca ha analizzato una collezione di frammenti di ceramica del VII secolo a.C., un tesoro di circa 100 manufatti di 2.500 anni fa contenente una serie di iscrizioni e corrispondenze militari. I cosiddetti “ostraca” furono scoperti negli anni ’60 dagli archeologi nell’antico forte di Tel Arad nel Negev. Con l’aiuto di esperti di scrittura a mano della polizia e di un’IA all’avanguardia, i ricercatori di Tel Aviv hanno studiato i frammenti per imparare molto sull’alfabetizzazione degli antichi ebrei.

A guidare le indagini forensi c’era Yana Gerber dell’Unità di Investigazioni sulla Criminalità Internazionale della Polizia Israeliana. La Gerber ha dichiarato: “Questo studio è stato molto eccitante, forse il più emozionante della mia carriera professionale. Queste sono antiche iscrizioni ebraiche scritte con inchiostro su frammenti di ceramica, utilizzando un alfabeto che prima non mi era familiare. Ho studiato le caratteristiche della scrittura al fine di analizzare e confrontare le iscrizioni, beneficiando al contempo delle capacità e delle conoscenze acquisite durante la mia laurea in archeologia classica e greco antico presso l’Università di Tel Aviv”.

La sig.ra Gerber è stata aiutata da due “algoritmi avanzati di identificazione dello scrittore”. “Avevo la sensazione che il tempo si fosse fermato e che non ci fosse un intervallo di 2.600 anni tra noi e gli autori dell’ostraca”, ha riferito. I risultati dello studio sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista PLOS ONE.

bibbia ia analisi forense

L’alfabetizzazione tra i Giudaiti potrebbe aver portato alla scrittura di alcuni testi biblici

Sulla base della loro analisi, i ricercatori hanno stabilito che l’alfabetizzazione era abbastanza diffusa tra i Giudaiti del VII secolo a Tel Arad. A sua volta, la scoperta offre nuove informazioni su quando furono scritti i libri biblici di Deuteronomio, Giosuè, Giudici, Samuele e Re. I ricercatori hanno stabilito che c’erano almeno tre scrittori tra i 20-30 militari di stanza a Tel Arad.

Hanno anche identificato un minimo di 12 autori di 18 iscrizioni, il che suggerisce che gli antichi Jadhiti erano abbastanza ben istruiti. Di conseguenza, i risultati spiegano come i primi testi biblici avrebbero potuto essere scritti e diffusi nell’antico regno di Giuda. Il dottor Barak Sober ha dichiarato: “I ranghi comandanti e gli ufficiali di collegamento dell’avamposto, e anche il quartiermastro Elyashiv e il suo vice, Nahum, erano alfabetizzati. Qualcuno doveva insegnare loro a leggere e scrivere, quindi dobbiamo presumere l’esistenza di un sistema educativo appropriato in Giuda alla fine del periodo del Primo Tempio”.

Il professor Israel Finkelstein ha riferito: “Se in un luogo remoto come Tel Arad ci fossero, in un breve periodo di tempo, un minimo di 12 autori di 18 iscrizioni, sulla popolazione di Giuda – che si stima non siano stati più di 120.000 persone. Significa che l’alfabetizzazione non era dominio esclusivo di una manciata di scribi reali a Gerusalemme. Anche il quartiermastro dell’avamposto di Tel Arad aveva la capacità di leggerli e apprezzarli.”

Tuttavia, l’alfabetizzazione potrebbe essere stata di breve durata a causa dell’invasione babilonese del 586 a.C. Questo fu l’anno in cui il primo tempio di Gerusalemme fu saccheggiato e distrutto. Gli autori dello studio hanno scritto: “L’attività degli scribi senza precedenti durante quest’epoca fornisce un livello di alfabetizzazione e un contesto storico adeguati per la composizione e la diffusione (compreso l’apprezzamento tra la popolazione) di diversi testi biblici giudaiti fondamentali.

“Ci riferiamo principalmente al Libro del Deuteronomio e alla prima versione della narrativa consolidata presentata nei Libri di Giosuè, Giudici, Samuele e Re – la cosiddetta Storia Deuteronomistica. Questi scritti fungevano da legge e piattaforme storiche volte a far avanzare l’ideologia e la teologia giudaita alla fine del settimo, inizio del sesto secolo”.