umani fuoco

Gli incendi hanno permesso agli esseri umani di evolversi nella specie. Senza un controllo sul fuoco, probabilmente non avrebbero mai sviluppato cervelli di grandi dimensioni e i benefici che ne derivano. Ma quando gli umani hanno scoperto come usare il fuoco?

Questa è una domanda delicata“, ha detto Ian Tattersall, paleoantropologo  presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York City. “Forse le prove dell’incendio non si conservano molto bene, e quello che stiamo vedendo sono solo i resti di quello che in precedenza era un disco molto più ricco. Ma ancora una volta, è un’ipotesi. Non lo sappiamo“.

 

Fuoco, come evoluzione degli umani

Circa 400.000 anni fa, il fuoco ha iniziato a spuntare molto più frequentemente nella documentazione archeologica in tutto il mondo. Gli esperti ritengono che questi incendi siano molto diffusi, sebbene i siti con prove siano ancora relativamente scarsi.

In un sito in Israele, risalente a circa 800.000 anni fa, gli archeologi hanno trovato focolari, selce e frammenti di legno bruciato. Un altro sito, gli scienziati hanno trovato prove che gli esseri umani hanno usato il fuoco circa 1 milione di anni prima. Nella grotta, c’erano resti di ossa e piante bruciate e quelli che sembrano essere dei focolari.

Sebbene sia il primo sito in cui la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che gli umani usassero il fuoco, in teoria avrebbero dovuto usarlo molto prima. Circa 2 milioni di anni fa, l’intestino del Homo erectus iniziò a contrarsi, suggerendo che qualcosa come cucinare stava rendendo la digestione. Nel frattempo, il suo cervello stava crescendo, il che richiede molta energia. “Da dove altro prenderesti l’energia senza usare il fuoco per cuocere il cibo?” Tattersall ha detto a WordsSideKick.com, riferendosi alla cottura di carne e verdure.

umani fuoco

Capacità di controllarlo

Per sostenere questo argomento, si stanno cercando segni di antichi incendi controllati nei siti di Koobi Fora, ricca di resti paleoantropologici risalenti a circa 1,6 milioni di anni. I sedimenti bruciati sono stati raggruppati separatamente, suggerendo che c’era un’area per mantenere il fuoco e un’altra area in cui gli antichi umani trascorrevano la maggior parte del loro tempo.

Gli incendi nel sito potrebbero non essere stati appiccati dagli umani. È possibile che le prove possano derivare da cespugli bruciati da un incendio naturale. Ogni volta che si verificava l’uso del fuoco, la capacità degli esseri umani di catturare e controllare gli incendi, ha avuto un impatto enorme sull’evoluzione della specie.

Probabilmente ha allungato la durata della vita; ha reso gli esseri umani più socievoli dando loro un posto dove riunirsi e, li ha aiutati a spostarsi in climi più freddi. L’uso degli incendi probabilmente ha anche aumentato la cognizione umana.