Covid-19 influenza

Spesso influenza e Covid-19 vengono messe a confronto anche per cercare di dare un parametro di riferimento sulle caratteristiche delle due malattie. Tuttavia, secondo i ricercatori della Università del Sud Carolina, ci sono fattori determinanti che possono rivelare ciò che abbiamo preso.

Hanno identificato un ordine distinto di sistemi tra i pazienti Covid-19: febbre seguita da tosse. Per l’influenza stagionale, d’altra parte, le persone generalmente sviluppano la tosse prima della febbre.

 

Covid-19, principali differenze tra il virus e l’influenza stagionale

È più probabile che il raffreddore comune inizi con un mal di gola come primo sintomo della malattia, come raccontato dai CDC. Le allergie si manifestano improvvisamente e includono prurito agli occhi, starnuti, naso che cola e gocciolamento post-nasale. In breve, il primo sintomo di ogni malattia può essere riassunto come segue:

  • Febbre da Covid-19
  • Influenza – tosse
  • Raffreddore – mal di gola
  • Allergie: prurito agli occhi, starnuti, naso che cola e gocciolamento post-nasale tutto in una volta.

Lo studio identifica questi come i primi sintomi che compaiono in ciascuna condizione. In primo luogo, entrambi i virus si presentano con una patologia di carattere respiratorio ad ampio raggio: i pazienti possono essere asintomatici, presentare una sintomatologia di bassa gravità, fino ad arrivare a una patologia severa e alla morte.

In secondo luogo, entrambi i virus si trasmettono per contatto, goccioline nasali, materiale contaminato dalla persona infetta. Dal punto di vista della salute pubblica, le misure da implementare per limitarne la diffusione sono le stesse: igiene delle mani, starnutire all’interno del gomito o in un fazzoletto di carta e poi gettarlo.

Tuttavia, viene prestata cautela, poiché non tutte le persone con Covid-19 svilupperanno la febbre. Inoltre, alcuni malati di influenza potrebbero non avere la tosse, motivo per cui il tempo necessario per la comparsa dei sintomi potrebbe essere un altro indizio.

coronavirus

I differenti tempi di trasmissione

Il CDC ha delineato le principali differenze nell’insorgenza dei sintomi in Covid-19 e nell’influenza. La comparsa dei sintomi di Covid-19 può richiedere più tempo rispetto ai sintomi influenzali, fino a cinque giorni dopo l’infezione.

Potrebbero comparire già due giorni o fino a 14 giorni dopo essere stati infettati. I sintomi influenzali possono richiedere fino a quattro giorni dopo l’infezione e una persona è solitamente contagiosa il giorno prima che compaiano i sintomi.

Le persone con l’influenza possono rimanere contagiose fino a sette giorni dopo l’infezione. Covid-19 è ancora in fase di indagine per quanto tempo una persona con la malattia è contagiosa. Quello che sappiamo è che Covid-19 è fino a tre volte più contagioso dell’influenza.

Sfortunatamente, i ricercatori della California meridionale hanno affermato che un gran numero di persone sono asintomatici, che possono ancora diffondere la malattia. Ora disponibili sul NHS sono i test Covid-19, che potrebbe essere il percorso migliore per determinare se si ha o meno il coronavirus.

Se ci sentiamo intasati, continuiamo a starnutire, ma abbiamo prurito agli occhi, stiamo certi che sono le nostre allergie. La mortalità con Covid-19 appare più alta di quella provocata dall’influenza, in particolare dall’influenza stagionale. Servirà ancora tempo per fare una stima esatta della mortalità di Covid-19.

I dati che abbiamo a disposizione ad oggi indicano che la percentuale di “mortalità cruda” si attesta tra il 3 e il 4%; la percentuale di mortalità da infezione potrebbe essere più bassa. Invece, per quanto riguarda la stagione influenzale, generalmente la mortalità si attesta sotto lo 0,1%.