Covid-19 mascherine

Una teoria del Covid-19 dettagliata dagli scienziati dell’Università della California suggerisce che le mascherine potrebbero rendere le persone meno malate o asintomatiche, perché le coperture riducono la dose infettiva a cui sono esposte.

I ricercatori affermano che indossare una maschera facciale potrebbe rendere le persone meno malate o asintomatiche, perché le mascherine riducono la dose infettiva a cui sono esposte. Se la teoria è dimostrata, le maschere potrebbero diventare una forma universale di inoculazione che genererebbe immunità.

 

Covid-19, le mascherine offrono l’immunità alle persone che le indossano

L’esposizione ripetuta a piccole quantità di Covid-19 può addestrare il corpo a riconoscere la malattia e combatterla, immunizzandoli efficacemente. Tuttavia, la teoria dettagliata dagli scienziati difficilmente sarà dimostrata oltre ogni ragionevole dubbio perché richiederebbe l’esposizione al virus di persone con e senza maschere negli studi clinici, una violazione dell’etica.

Gli esperti hanno sottolineato che si tratta solo di una teoria e hanno avvertito i portatori di maschere di non diventare compiacenti o tentare di prendere il virus nella speranza che avrebbe costruito l’immunità. La dottoressa Monica Gandhi, un medico di malattie infettive, ha scritto: “Possiamo avere questo virus ma essere asintomatico. Quindi, se è possibile aumentare i tassi di infezione asintomatica con le maschere, forse questo diventa un modo per variare la popolazione“.

C’è bisogno di più studi che confrontino la forza e la durata dell’immunità dei linfociti T specifici per SARS-CoV-2; così come un dimostrazione del naturale rallentamento della diffusione della SARS-CoV-2 in aree con un’elevata percentuale di infezioni asintomatiche.

Covid-19 mascherine

Una possibile alternativa al vaccino

Tuttavia, è vero che la percentuale di infezione asintomatica aumentata dal mascheramento potrebbe aumentare la proporzione della popolazione che raggiunge almeno l’immunità a breve termine al virus in attesa di un vaccino.

I critici temono che la teoria possa tradursi in compiacenza o rischi inutili. Saskia Popescu, un’epidemiologa di malattie infettive con sede in Arizona che non è stata coinvolta nella ricerca, ha detto al New York Times: “Sembra un balzo. Non abbiamo molto per sostenerlo.”

Vogliamo ancora che le persone seguano tutte le altre strategie di prevenzione. Ciò significa rimanere vigili sull’evitare la folla, le distanze fisiche e l’igiene delle mani, comportamenti che si sovrappongono nei loro effetti, ma non possono sostituirsi l’un l’altro. Oggi il Regno Unito ha registrato quasi altri 3.500 casi del virus mortale mentre i funzionari sono alle prese con un tasso R in accelerazione.