attività vulcanica

Un nuovo studio ha scoperto che il massiccio vulcanismo ha inviato grandi onde di carbonio negli oceani per migliaia di anni, ma che la natura non si è avvicinata a ciò che gli umani stanno facendo oggi.

Lo studio stima che gli esseri umani ora introducano l’elemento da tre a otto volte più velocemente, o forse anche di più. Le conseguenze per la vita sia in acqua che a terra sono potenzialmente catastrofiche.

 

Attività vulcanica, le emissioni di carbonio inquinano gli oceani

I ricercatori dell’Osservatorio terrestre dell’Università Columbia hanno esaminato le condizioni degli oceani 55,6 milioni di anni fa. Prima di questo, il pianeta era già notevolmente più caldo di quanto lo sia oggi, e i crescenti livelli di CO2 hanno fatto aumentare le temperature di altri 5-8 gradi C. Gli oceani hanno assorbito grandi quantità di carbonio, stimolando reazioni chimiche che hanno reso le acque altamente acide e uccidendo o danneggiando molte specie marine.

Gli scienziati sanno da anni dell’ondata di carbonio del PETM, ma fino ad ora sono stati traballanti su cosa l’ha causata. A parte il vulcanismo, le ipotesi hanno incluso l’improvvisa dissoluzione del metano congelato dai fanghi del fondo oceanico, o anche una collisione con una cometa.

Il nuovo studio solidifica sia la teoria del vulcano, sia la quantità di carbonio che è stata rilasciata nell’aria. La ricerca è direttamente rilevante per oggi, ha detto l’autore principale Laura Haynes. “Vogliamo capire come il sistema terrestre risponderà ora alle rapide emissioni di CO2“, ha detto.

Oggi le cose si stanno muovendo molto più velocemente “. Haynes è ora un assistente professore al Vassar College. Fino ad ora, gli studi marini del PETM si sono basati su scarsi dati chimici dagli oceani e ipotesi basate su un certo grado di congetture che i ricercatori hanno inserito nei modelli computerizzati.

attività vulcanica carbonio

I foraminiferi assorbono il carbonio nei loro gusci durante la crescita

Gli autori del nuovo studio hanno risposto alle domande in modo più diretto. Lo hanno fatto coltivando minuscoli organismi marini sgusciati chiamati foraminiferi nell’acqua di mare che hanno formulato per assomigliare alle condizioni altamente acide del PETM. Hanno registrato come gli organismi hanno assorbito l’elemento nei loro gusci durante la crescita.

Ciò ha permesso loro di identificare le firme degli isotopi di carbonio associate a specifiche fonti di carbonio. Ciò indicava che i vulcani erano la fonte principale, probabilmente da massicce eruzioni centrate intorno a quella che oggi è l’Islanda, quando l’oceano Atlantico settentrionale si aprì e il Nord America settentrionale e la Groenlandia si separarono dall’Europa settentrionale.

Gli impulsi di carbonio, che altri stimano siano durati da almeno 4.000 a 5.000 anni, hanno aggiunto fino a 14,9 quadrilioni di tonnellate di carbonio negli oceani, un aumento di due terzi rispetto al loro contenuto precedente. Il carbonio sarebbe derivato dalla CO2 emessa direttamente dalle eruzioni, dalla combustione delle rocce sedimentarie circostanti e da un po ‘di metano che sgorgava dalle profondità.

Oggi, le emissioni umane stanno facendo salire alle stelle l’anidride carbonica nell’atmosfera e gli oceani ne stanno nuovamente assorbendo gran parte. La differenza è che lo stiamo introducendo molto più velocemente di quanto abbiano fatto i vulcani. I livelli atmosferici sono aumentati da circa 280 parti per milione nel 1700 a circa 415 oggi, e sono sulla buona strada per continuare a salire rapidamente. I livelli atmosferici sarebbero già molto più alti se gli oceani non assorbissero così tanto. Mentre lo fanno, la rapida acidificazione inizia a stressare la vita marina.

Il passato ha visto alcune conseguenze davvero disastrose, e questo non è di buon auspicio per il futuro“, ha detto il coautore dello studio Bärbel Hönisch: Stiamo superando il passato e le conseguenze saranno probabilmente molto gravi.”