titanic affondamento eruzione solare

La rotta fatale che ha condotto l’RMS Titanic verso il suo affondamento colpendo un iceberg il 15 aprile 1912 sarebbe stata causata da un’eruzione solare (o brillamento solare) che ha mandato in tilt la bussola della nave, così afferma un nuovo studio. Secondo un meteorologo statunitense, l’ultima notte del transatlantico in navigazione nell’Atlantico è stata illuminata dall’aurora boreale, lo spettacolo di luci causato dall’interazione con l’atmosfera delle particelle cariche del sole.

Sulla base dei resoconti dei testimoni oculari dell’apparizione dell’aurora quella notte la “tempesta geomagnetica” potrebbe essere stata abbastanza grande da influenzare la navigazione in misura piccola, ma comunque significativa. L’interferenza potrebbe anche essere servita a interrompere le trasmissioni wireless tra il Titanic e altre navi nelle vicinanze, bloccando alcune chiamate di soccorso del Titanic e i messaggi inviati in risposta.

Tuttavia, afferma il ricercatore, l’interruzione magnetica potrebbe aver avuto un aspetto positivo, aiutando a compensare l’errore nella posizione di trasmissione del Titanic, portando accidentalmente un’altra nave nella posizione corretta delle scialuppe di salvataggio della nave.

I brillamenti solari possono causare danni sostanziali, se di intensità sufficientemente elevata. Una tempesta nel 1859, ad esempio, l’“Evento Carrington”, ha indotto correnti nei cavi del telegrafo provocando scosse agli operatori. Se un evento del genere accadesse oggi, gli esperti ritengono che causerebbe livelli senza precedenti di danni all’elettronica e alle reti elettriche in tutto il mondo, con un potenziale di tragedia pari a quello del Titanic.

“La maggior parte delle persone che scrivono sul Titanic, non sanno che l’aurora boreale è stata vista quella notte”, ha detto alla rivista Hakai Mila Zinkova, ricercatrice meteorologica indipendente e programmatrice in pensione. “Anche se la bussola si fosse spostata di un solo grado, avrebbe già potuto fare la differenza”, ha aggiunto.

 

Storie di un’aurora boreale

Il sopravvissuto del Titanic e autore Lawrence Beesley ha descritto di aver visto l’aurora boreale nel suo racconto del disastro, scrivendo che dopo che la nave era affondata, ha notato dalle scialuppe di salvataggio un debole bagliore nel cielo davanti a tribordo, ma il primo pensiero è andato ai primi bagliori dell’alba imminente.

“Non eravamo sicuri dell’ora e forse eravamo ansiosi di accettare con troppa prontezza qualche sollievo dall’oscurità – eravamo solo contenti di poterci finalmente guardare in faccia e vedere chi erano i nostri compagni fortunati; eravamo liberi dal rischio di trovarci sulla pista di un piroscafo, invisibile nell’oscurità”, continuò.

“Ma eravamo condannati alla delusione: la luce soffusa aumentò per un po ‘e si spense un po’; brillò di nuovo, e poi rimase immobile per alcuni minuti! “L’aurora boreale”! Improvvisamente mi è venuto in mente, e così è stato.”

In modo simile, il secondo ufficiale James Bisset della RMS Carpathia – il piroscafo passeggeri della linea Cunard che è venuto in soccorso dei sopravvissuti del Titanic – ha preso atto dell’aurora boreale nel suo registro circa un’ora prima che il Titanic colpisse l’iceberg. “Il tempo era calmo, il mare tranquillo, senza vento. Il cielo era limpido e le stelle splendevano. Non c’era la luna, ma l’aurora boreale brillava come i raggi di luna che si alzavano dall’orizzonte settentrionale”, ha scritto.

Secondo i registri del signor Bisset, il tempo spaziale era ancora forte circa cinque ore dopo, mentre il Carpathia si avvicinava alle scialuppe di salvataggio. “Sebbene la notte fosse priva di nuvole e le stelle splendessero, le condizioni atmosferiche peculiari di visibilità si intensificarono man mano che ci avvicinavamo al campo di ghiaccio con i raggi verdastri dell’Aurora Boreale che scintillavano e confondevano l’orizzonte davanti a noi verso nord”, ha osservato.

titanic affondamento eruzione solare

Un errore che ha salvato la vita di centinaia di persone

Gli errori della bussola potrebbero aver avuto altri effetti la notte in cui il transatlantico della classe Olympic è caduto, ha suggerito la Zinkova. Rispondendo al segnale di soccorso del Titanic, l’RMS Carpathia ha ricevuto coordinate errate per la nave colpita che era fuori da circa 13,5 miglia nautiche (circa 25 chilometri) dalla posizione effettiva del Titanic.

Tuttavia, il Carpathia è riuscito a navigare direttamente verso le scialuppe di salvataggio alla deriva del Titanic, un’impresa che la signora Zinkova attribuisce agli errori della bussola causati dalla tempesta solare che hanno annullato le coordinate errate. “La luce dell’aurora potrebbe anche essere stata utile per l’operazione di salvataggio”, ha aggiunto. Il Carpathia è riuscito a salvare 705 sopravvissuti al disastro dalle 20 scialuppe di salvataggio del Titanic.

“Il fatto che così tante persone abbiano visto l’aurora mi rende fiducioso che si sia verificato un evento meteorologico spaziale”, ha detto alla rivista Hakai il fisico spaziale e atmosferico Chris Scott dell’Università di Reading. Ha aggiunto che modellare la ionosfera terrestre nella notte del disastro e simulare trasmissioni radio note inviate dalle navi nelle vicinanze del Titanic potrebbe aiutare a far luce sul motivo per cui alcuni messaggi sono passati e altri no.

Lo storico del Titanic Tim Maltin, nel frattempo, ha detto alla rivista Hakai di essere d’accordo sul fatto che c’erano prove sufficienti che una tempesta solare coincideva con la catastrofe, ma pensava che “non fosse un fattore significativo” nell’affondamento.

titanic affondamento eruzione solare

La tragedia del Titanic

Costruita dai costruttori navali Harland e Wolff di Belfast tra il 1909 e il 1912, la RMS Titanic era la più grande nave a galla del suo tempo. Di proprietà e gestita dalla White Star Line, la nave passeggeri salpò per il suo viaggio inaugurale da Southampton a New York il 10 aprile 1912.

La nave ha effettuato due brevi soste lungo il percorso verso la traversata atlantica programmata: una al porto francese di Cherbourg, l’altra al porto di Cork, in Irlanda, dove navi più piccole trasportavano i passeggeri a bordo del Titanic. Quasi cinque giorni dopo il suo viaggio, il Titanic colpì un iceberg intorno alle 23:40 ora locale. Ciò ha generato sei aperture strette nello scafo di tribordo della nave, che si ritiene siano avvenute a causa dello schiocco dei rivetti nello scafo.

Il Titanic ha preso l’acqua circa quindici volte più velocemente di quanto potesse essere pompata. Il danno allo scafo si è rivelato troppo esteso per le paratie stagne della nave per evitare che le inondazioni si propagassero sui ponti inferiori a compartimenti stagni del transatlantico. Dopo circa due ore e mezza, la nave si ruppe in due sezioni e affondò, stabilendosi ciascuna sul fondo del mare a circa un terzo di miglio di distanza.

Si crede che circa 1.500 persone si sono perse nella tragedia, compresi circa 815 passeggeri della nave. Il disastro del Titanic spinse nel 1914 alla stesura della Convenzione sulla Sicurezza della Vita in Mare, che ancora oggi fissa i requisiti minimi di sicurezza a cui tutte le navi sono tenute a conformarsi.

Mentre la poppa della nave affondata fosse rovinata, gran parte della prua, nonostante i danni da impatto e il deterioramento, rimase riconoscibile quando il relitto fu finalmente scoperto sul fondo del mare dall’archeologo subacqueo statunitense Robert Ballard nel 1985.

Da allora sono state effettuate dozzine di spedizioni al relitto per osservare la nave e recuperare i manufatti. Gli esperti, tuttavia, sono preoccupati che questa attività stia facendo decadere il Titanic molto più velocemente di quanto farebbe altrimenti sul fondo del mare. L’articolo completo della signora Zinkova è stato pubblicato sulla rivista Weather.