fungo pelle

Tradizionalmente ci sono due modi per realizzare una giacca di pelle. Uno riguarda la pelle della mucca, ma la lavorazione richiede anni. Un altro riguarda il tessuto sintetico e richiede l’uso della plastica. Ma c’è una terza opzione che si sta diffondendo sempre di più: fogli spessi di funghi intrecciati, cresciuti in un paio di settimane su qualsiasi materiale, dalla segatura ai rifiuti agricoli. “Odora un po’ di fungo, ma sembra un pezzo di vecchia giacca di pelle”, ha detto Alexander Bismarck, uno scienziato dei materiali presso l’Università di Vienna.

Negli ultimi dieci anni, le aziende negli Stati Uniti, in Indonesia e in Corea hanno pubblicizzato la pelle fungina come un sostituto etico ed ecologicamente sostenibile sia della pelle di mucca che della plastica. In precedenza, non c’erano molte ricerche a sostegno delle loro affermazioni. Ma uno studio pubblicato la scorsa settimana dal Dr. Bismarck e dai suoi colleghi su Nature Sustainability rileva che le pelli fungine si funzionano abbastanza bene quando si tratta di versatilità e sostenibilità.

Indossare pelle fungina non significa indossare una giacca da motociclista a forma di fungo. Questa è invece costituita da una stuoia di micelio, le reti di radici filiformi sottostanti da cui spuntano i corpi fruttiferi dopo una pioggia. Questi tappetini miceliali crescono facilmente su quasi tutti i materiali organici.

A partire dagli anni ’50, gli inventori iniziarono a depositare brevetti basati su tappetini fungini come materiale per carta, medicazioni per ferite e una gamma di altri prodotti, ma non si sono mai pienamente diffusi, ha affermato Mitchell Jones, autore principale e scienziato dei materiali presso l’Università di Vienna. Tecnologia.

Ma nell’ultimo decennio, aziende come MycoWorks e Bolt Threads hanno iniziato a produrre e vendere prodotti in pelle fungina. “Con la pelle, sei limitato alla pelle che un animale produce nel corso della sua vita, mentre le stuoie miceliali possono essere coltivate secondo le specifiche”, ha detto Sophia Wang, co-fondatrice di MycoWorks.

fungo pelle

Pelle fungina, l’inizio di un’industria a favore dell’ambiente

Il dottor Bismarck ha affermato che il potenziale per i materiali personalizzati è enorme perché diversi tipi di funghi hanno proprietà diverse, come la durezza, la resistenza all’acqua e ci sono potenzialmente milioni di specie tra cui scegliere.

La pelle fungina è anche potenzialmente più sostenibile di altre fonti di pelle. Il processo di concia è ad alta intensità energetica e produce un bel po ‘di fanghi di scarto – e la produzione di pelle sintetica richiede plastica, che coinvolge il petrolio. “Stai facendo in modo che un organismo biologico faccia tutta la tua produzione per te, quindi non c’è un reale fabbisogno energetico”, ha detto il dottor Jones.

“Non richiede luce. E una volta che hai questo materiale, puoi lavorarlo secondo trattamenti chimici abbastanza semplici rispetto a quello che faresti normalmente per la concia della pelle.” Ma mentre la pelle fungina è andata abbastanza bene nei test di durata del team, ci sono ancora alcune domande sulla sua resistenza a lungo termine. “I risultati iniziali del settore indicano che la durata è abbastanza buona rispetto alla pelle animale”, ha detto il dottor Jones, “ma alcuni del settore stanno imbrogliando un po ‘perché incorporano un poliestere infeltrito e lo trasformano in una pelle composita”.

L’industria della pelle fungina è ancora agli inizi e sta producendo in gran parte prove di concetto per il mercato del lusso come prototipi di borse in pelle fungina da $ 400, un prezzo simile ad una borsa in pelle di buona qualità. Ma il dottor Jones ritiene che i costi probabilmente diminuiranno con la crescita del settore. “Esistono già enormi industrie di coltivazione di funghi che producono tutti i tipi di funghi per il mercato culinario. La tecnologia per produrre funghi in serie esiste già”.

I prodotti in pelle fungina potrebbero presto spuntare ovunque, come funghi dopo una pioggia. La domanda è se i consumatori percepiranno tale magia. In fin dei conti se compriamo dei pantaloni in pelle fungina e non ci piacciono possiamo sempre gettarli in giardino e attendere che diventano compost. “Non è tutto ancora stato esplorato”, ha detto il dottor Bismarck.