covid-cellule

Un team di scienziati della Higher School of Economics in Russia afferma che sia il SARS-CoV-2 che altri coronavirus hanno la capacità di “attrarre” un meccanismo mediante il quale le cellule ospiti prevengono la replicazione virale. Le molecole note come hsa-miR-21-3p miRNA possono essere il tallone d’Achille del Covid-19, in quanto potrebbero essere in grado di sopprimere la replicazione del coronavirus umano, inibendo la crescita nelle prime fasi dell’infezione e ritardando l’immunità attiva.

Analizzando i sette tipi noti di coronavirus che infettano gli esseri umani, gli autori dello studio hanno scoperto che sei di loro, incluso il responsabile del Covid-19, mostrano siti di legame reciproco per miRNA hsa-miR-21-3p e un altro miRNA chiamato hsa- miR-421.

 

La ricerca

Quando il virus entra nella cellula, inizia a interagire attivamente con varie molecole all’interno della cellula. Una di queste classi di molecole è quella dei miRNA, piccoli RNA la cui funzione principale è regolare l’espressione genica. Quando un virus entra, i miRNA iniziano a legarsi a determinate parti dell’RNA nel suo genoma, il che porta alla distruzione degli RNA del virus.

Questo attacco può impedire al virus di replicarsi completamente. Tuttavia, nei casi in cui i miRNA non sono molto “aggressivi”, le interazioni non distruggono il virus, ma ne ritardano la replicazione. Questo scenario è vantaggioso per il virus in quanto aiuta a prevenire una rapida risposta immunitaria nella cellula.

Alcuni virus accumulano intenzionalmente i siti di legame del miRNA ospite. Questo diventa il suo vantaggio: i virus con più siti di legame sopravvivono e si riproducono meglio, il che porta al loro dominio evolutivo.

Per analizzare il ruolo che svolge dopo l’ingresso del coronavirus nelle cellule umane, gli scienziati hanno deciso di analizzare il processo di infezione nei polmoni dei ratti di laboratorio, dimostrando che, quando si verifica un’infezione, la produzione di miRNA aumenta di otto volte, indicando che il virus “promuove” l’unione di queste molecole al proprio RNA, influenzandone la moltiplicazione.

Ora, gli scienziati intendono analizzare le possibilità di un effetto medicinale sul virus che è attratto dai miRNA scoperti e analizzare se l’introduzione o l’eliminazione artificiale di questo meccanismo può impedire la riproduzione del virus.

Questo studio è stato pubblicato lunedì sulla rivista scientifica PeerJ.