cina brucellosi

Più di 3.000 persone in Cina hanno contratto la malattia batterica nota come febbre di Malta a seguito di una perdita da un laboratorio lo scorso anno, hanno detto i funzionari sanitari. L’epidemia originata dalla fabbrica farmaceutica biologica di Zhongmu Lanzhou ha lasciato 3.245 persone ammalate di brucellosi, ha detto la Commissione Sanitaria di Lanzhou, secondo un rapporto della CNN.

Le autorità hanno testato un totale di 21.847 persone nella provincia di Gansu, che ha una popolazione di 2,9 milioni, e altre 1.401 persone sono risultate preliminarmente positive. Non sono stati segnalati decessi. Le persone possono contrarre la brucellosi, nota anche come febbre mediterranea, entrando in contatto con bestiame come pecore, capre, mucche o cammelli infettati dal batterio Brucella, hanno detto i Centri Statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie.

I sintomi includono febbre, sudorazione, mal di testa, affaticamento e dolore ai muscoli e alle articolazioni. Il modo più comune per contrarre l’infezione è mangiare o bere latticini non pastorizzati o crudi, ma gli esseri umani possono anche ammalarsi respirando i batteri.

cina brucellosi

La diffusione dei batteri è avvenuta a causa dell’uso di disinfettanti scaduti

La fuga dal laboratorio si è verificata lo scorso anno tra la fine di luglio e la fine di agosto, quando la fabbrica produceva vaccini Brucella per uso animale, ha detto la Commissione Sanitaria. La fabbrica utilizzava disinfettanti scaduti e non tutti i batteri sono stati uccisi nei gas, ha riferito la CNN. Ciò ha lasciato i batteri fluttuanti nell’aria, che li ha portati all’Istituto di Ricerca Veterinaria di Lanzhou, dove sono state segnalate infezioni da brucellosi a novembre.

Altre infezioni si sono verificate tra gli studenti e il personale dell’Università di Lanzhou e l’epidemia si è diffusa anche nella provincia di Heilongjiang, nella parte nord-orientale del paese. È stata avviata un’indagine, con le autorità che hanno spogliato la fabbrica delle sue licenze di produzione di vaccini e hanno ottenuto l’approvazione per due vaccini contro la brucellosi. Sono state inoltre annullate sette approvazioni totali di farmaci veterinari. A febbraio, la fabbrica ha dichiarato di aver “punito severamente” otto persone ritenute responsabili della fuga e ha rilasciato delle scuse.