buco-nero-relatività

Un team di fisici del New Jersey Institute of Advanced Studies e della Princeton University ha scoperto qualcosa che fino ad ora sembrava impossibile: un modo “sicuro” per inviare una persona attraverso un buco nello spazio-tempo.

I buchi nello spazio-tempo sono ipotetici “tunnel” tra buchi neri che collegano regioni distanti dell’Universo e la cui esistenza è prevista dalla Teoria della Relatività Generale di Albert Einstein.

Studi precedenti avevano trovato difficile, se non impossibile, viaggiare attraverso i buchi nello spazio-tempo. Infatti, anche la stessa Relatività Generale, che descrive il comportamento della gravità e dello spazio-tempo, stabilisce che gli eventuali buchi sarebbero estremamente piccoli e si chiuderebbero ogni volta che qualcosa cade su di essi.

Tuttavia, Juan Maldacena e Alexey Milekhin hanno scoperto un modo in cui potrebbero esistere buchi “attraversabili” nello spazio-tempo – e il tutto senza violare nessuna delle leggi note della fisica. Per questo, secondo i ricercatori, basterebbe “inserire una dimensione aggiuntiva“.

Maldacena e Milekhin hanno calcolato che se ci fosse una dimensione “extra” dello spazio-tempo, implicherebbe l’esistenza di un gran numero di campi quantistici. Le fluttuazioni in questi campi produrrebbe l’energia negativa necessaria per impedire il collasso e la chiusura del foro. D’altra parte, secondo Maldacena, non ci sono prove dell’esistenza di questi campi quantistici aggiuntivi, sebbene siano teoricamente possibili. Ciò solleva un’altra domanda: sarebbe possibile “fabbricarli” artificialmente?

Ci sono due possibilità: che il processo avvenga naturalmente, il che è estremamente improbabile; o che sia possibile crearlo artificialmente. In teoria, qualcosa del genere potrebbe essere fatto solo con la materia ordinaria e gli effetti quantistici. Sebbene, secondo i ricercatori, lo sforzo richiesto probabilmente non ne è valsa la pena .

Secondo Daniel Jefferis, Ping Gao e il fisico di Stanford Aron Wall nel 2017, lo “svantaggio” è che sarebbe necessario trovare due buchi neri perfettamente opachi. Tuttavia, sembra altamente improbabile che una cosa del genere esista in natura.

Il passo successivo sarebbe quello di “sparare” una persona su uno di loro, misurare la radiazione di Hawking emessa dal buco e poi portarlo (con metodi convenzionali) al secondo buco per manipolarlo e far uscire la persona di nuovo. Quindi, ci vorrebbe più tempo che fare il viaggio direttamente nello spazio.

Tuttavia, secondo la Relatività Generale, il tempo passerebbe in modo molto diverso per la persona all’interno del buco. Dal suo punto di vista, il viaggio non sarebbe durato molto. Tuttavia, fuori dal buco, tutti i membri della famiglia e i conoscenti invecchierebbero. Così, il viaggiatore risalirebbe attraverso il secondo buco in un mondo totalmente diverso da quello che aveva lasciato.

 

I fisici credono che sarebbero in grado di salvarlo da un buco nero ma preferiscono non rischiare

Oltre a questo “piccolo disagio”, il viaggio non presenterebbe grossi problemi: il viaggiatore percepirebbe l’accelerazione lentamente fino a raggiungere una velocità vertiginosa, prossima a quella della luce, per poi diminuire fino a riemergere.

Secondo Maldacena, il viaggio sarebbe stato abbastanza sicuro purché il buco sia completamente pulito. Altrimenti, cadere significherebbe morte certa. “Finché viaggi a una velocità vicina a quella della luce, qualsiasi particella o granello di polvere o qualsiasi altra cosa che ci colpisce sarebbe problematica. Anche un singolo fotone potrebbe causare problemi“, ha spiegato il ricercatore.

Questo studio è disponibile da agosto sulla piattaforma di pre-pubblicazione ArXiv.