googole-maps-coropo-umano

È in costruzione una Google Maps per il corpo umano. Il progetto, che è stato sviluppato da un team internazionale di scienziati, dovrebbe consentire agli utenti di esplorare il corpo umano a livello cellulare.

Il corpo umano è composto da milioni di cellule invisibili ad occhio nudo. Sebbene la scienza moderna abbia già scoperto gran parte del mistero di come queste cellule interagiscono, la verità è che non si sa ancora molto.

Un gruppo di ricercatori ha deciso di capire meglio come queste cellule si legano, come interagiscono e come si organizzano in tessuti e organi all’interno del nostro corpo. Ecco perché hanno creato un “Google Maps del corpo” che permette a chiunque di capire come funzionano le cellule del corpo umano.

 

Il Google Maps per il corpo umano

Jonathan Silverstein, professore di Informatica Biomedica presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Pittsburgh, ha spiegato in un comunicato per la stampa che “fino ad oggi, i metodi di analisi del corpo umano sono generalmente limitati“. Il ricercatore fa parte del gruppo di scienziati che lavorano alla creazione della fantastica mappa 3D interattiva.

Il programma Atlas Human BioMolecular (HuBMAP) è composto da 18 team e mira a creare una sorta di atlante che può essere utilizzato dai medici per assistere nella visualizzazione delle cellule, per studiare e comprendere il corpo umano con un incredibile livello di dettaglio.

Una mappa completa del corpo umano avrà molti usi nel mondo reale e può, ad esempio, assistere i medici nello sviluppo o nella progressione di una malattia, nonché aiutarli a visualizzare i corpi dei loro pazienti.

Per mappare il corpo umano, i ricercatori hanno raccolto campioni di sangue da donatori in diverse parti del corpo. Questi campioni vengono combinati digitalmente per creare la mappa 3D del corpo umano.

Silverstein presume che questo progetto sia molto impegnativo. “Ho realizzato molti progetti nella mia carriera, ma questo è senza dubbio il più entusiasmante, perché la mappa può essere utilizzata in molti modi, e questa è una scoperta semplicemente straordinaria“, aggiungendo che questo può essere un passo da gigante nella cura delle malattie.

Questa settimana, HuBMAP ha rilasciato i primi dati dell’analisi, che possono essere reperibili qui.