spacex starlink elon musk

Con il miliardario Elon Musk e i suoi Starlink, oramai i cieli sono affollati da centinaia di satelliti che vengono lanciati nella nostra galassia ogni giorno. Gli astronomi sono terribilmente frustrati da questa situazione poiché questo traffico interferisce con il loro lavoro. Ora gli astronomi stanno cercando di capire come affrontare il riflesso abbagliante del sole su questi orbitanti artificiali. “Non c’è quasi nessun posto nel cielo in cui non vedrai passare un satellite”, ha detto al Post Rick Feinberg dell’American Astronomical Society.

Le tracce di queste collane satellitari hanno già macchiato alcune immagini scattate da telescopi di livello mondiale. Gli astronomi sono ora preoccupati per gli effetti a lungo termine sulla ricerca scientifica. Ma non c’è solo SpaceX di Musk, a minacciare i cieli abbiamo anche il progetto Kuiper del capo di Amazon Jeff Bezos e OneWeb, un’impresa di proprietà del governo britannico e del gigante mobile indiano Bharti Global, che prevede di lanciare decine migliaia di satelliti nei prossimi anni.

I 3.236 satelliti di Amazon non sono ancora decollati e OneWeb ne ha solo 70 su 700 in orbita in questo momento, ma SpaceX ne ha già 750 e prevede di lanciarne più di 40.000. SpaceX, che venerdì ha ritardato una missione a causa del tempo, non ha risposto a una richiesta di commento. “Non c’è modo di evitare un impatto dei satelliti sull’astronomia terrestre”, ha detto l’astronomo Jeff Hall, direttore del Lowell Observatory in Arizona. “Anche se i satelliti sono invisibili a occhio nudo, sono straordinariamente luminosi per i moderni telescopi di ricerca”.

Una preoccupazione particolare è ciò che i satelliti faranno per un progetto decennale che inizierà nel 2022 dall’Osservatorio Vera C. Rubin in Cile. Il telescopio da 27 piedi, costruito dalla National Science Foundation e dal Dipartimento dell’Energia, sarà accoppiato a una gigantesca fotocamera digitale che scatta istantanee del cielo ogni tre giorni. “È come fare un film di 10 anni sul cielo notturno”, ha detto Feinberg. “Spazzerà il cielo – alla ricerca di asteroidi, alla ricerca di supernove, fondamentalmente mappando l’universo.” Il campo della telecamera del telescopio catturerà sicuramente le tracce dei satelliti in una parte di ogni immagine e gli scatti saranno inutili se le strisce sono troppo luminose, ha detto Feinberg.

spacex starlink elon musk

Gli astronomi al lavoro per arginare il problema

Poco dopo la prima missione satellitare di SpaceX, gli astronomi sono andati dalla compagnia e hanno trovato una mano, ha detto Hall al Post. In primo luogo, gli ingegneri hanno oscurato parti dei satelliti, il che ha reso il riflesso più debole, ma non così debole come gli astronomi avevano sperato. Quindi, hanno installato visiere per impedire alla luce solare di raggiungere i satelliti e riflettersi sul suolo, ha spiegato. Ora stanno sperimentando l’orientamento dei satelliti, che dovrebbe renderli invisibili ad occhio nudo alle orbite inferiori e abbastanza deboli a quelle superiori. “Più alto è il satellite, più tempo impiega il sole a tramontare su di esso”, ha detto Feinberg. “Potrebbe letteralmente essere visibile tutta la notte.”

Anche gli astronomi stanno valutando come ridurre al minimo l’impatto dei satelliti. Ad esempio, ha detto Feinberg, un suggerimento è rendere disponibili più informazioni orbitali in tempo reale in modo che i ricercatori possano semplicemente evitare i satelliti. Un altro è un programma per computer che essenzialmente cancella le tracce dalle foto. Eppure, nonostante tutti i mal di testa, gli astronomi stanno spingendo in avanti. Hanno avuto battute d’arresto in passato, come quando il telescopio spaziale Hubble della NASA ha avuto un grosso fallimento. “Abbiamo passato l’inferno”, ha detto Feinberg al Post, “e abbiamo sempre trovato un modo per riprenderci”.