Terra anelli

Come potrebbe essere la Terra coronata di anelli? L’illustratore spaziale e di fantascienza Ron Miller ha creato immagini straordinarie di come potrebbe apparire il cielo se la Terra possedesse anelli delle stesse proporzioni per il nostro pianeta di quelle di Saturno.

Gli anelli di Saturno gli conferiscono una maestà degna di un pianeta che prende il nome dal re dei Titani. Fatti quasi completamente da pezzi e pezzi di ghiaccio e larghi migliaia di miglia, gli anelli di Saturno sono la sua caratteristica più affascinante.

 

Terra, come trasformerebbero il nostro pianeta gli anelli?

Il posto più stabile per gli anelli è intorno all’equatore di un pianeta, quindi l’aspetto degli anelli varierebbe in base alla latitudine. Ad esempio, vicino all’equatore di Quito, in Ecuador, vedremmo gli anelli dal bordo interno in poi, quindi sembrerebbero una linea sottile che sale dall’orizzonte.

In confronto, vicino al circolo polare artico, gli anelli potrebbero sembrare una gobba all’orizzonte. A latitudini più temperate, gli anelli sembrerebbero un arco gigante, che attraversa da un’estremità all’altra del cielo. Questi anelli scintillanti non sorgerebbero né tramonterebbero e apparirebbero sempre nello stesso identico punto nel cielo. Questi punti di riferimento cosmici sarebbero visibili sia di giorno che di notte.

Gli ipotetici anelli della Terra differirebbero in un modo chiave da quelli di Saturno; non avrebbero ghiaccio. La Terra è molto più vicina al Sole di Saturno, quindi la radiazione della nostra stella farebbe sublimare qualsiasi ghiaccio negli anelli della Terra. Tuttavia, anche se gli anelli della Terra fossero fatti di roccia, ciò potrebbe non significare che sembrerebbero scuri. La roccia lunare è in gran parte grigia e la luna riflette solo circa il 12% della luce che cade su di essa.

Quanto possono essere luminosi gli anelli della Terra? “Circa 1.300 watt di luce solare per metro quadrato colpiscono la parte superiore dell’atmosfera terrestre“, ha detto il team a WordsSideKick.com. “Se gli anelli ne riflettessero anche il 10%, stiamo parlando di ogni metro quadrato che riflette la quantità di luce prodotta da una lampadina da 130 watt“.

Quanto potrebbero avvicinarsi gli anelli alla Terra? Interferirebbero con gli aeroplani? Il valore più vicino in assoluto che gli anelli potrebbero ottenere è da qualche parte sopra lo strato atmosferico noto come termosfera, che raggiunge un’altezza di 1.000 km.

Quindi, gli aeroplani commerciali, che in genere volano fino a 11 km, andrebbero bene. Nel frattempo, la resistenza atmosferica farebbe cadere tutta la materia dell’anello che scendeva troppo in basso. Se ciò accadesse, il materiale roccioso brucerebbe come una stella cadente in una vena infuocata.

Terra anelli

Una guida per i navigatori

Fino a che punto potrebbero estendersi gli anelli dalla Terra? Qualsiasi oggetto in orbita entro una certa distanza, noto come limite di Roche, si romperà a causa della forza di gravità terrestre. Una volta rotti, questi oggetti frantumati si unirebbero all’anello roccioso. Ad esempio, qualsiasi oggetto delle dimensioni della luna terrestre che scendesse al di sotto di circa 11,850 km dalla superficie terrestre si disintegrerebbe, formando un anello attorno al pianeta. Tutto sommato, gli anelli esterni della Terra probabilmente orbiterebbero ancora più vicino al nostro pianeta di quanto non faccia la luna terrestre.

A seconda dell’ora del giorno, della stagione e della latitudine in cui si trova lo spettatore, l’ombra della Terra potrebbe cadere sugli anelli. L’ombra della Terra apparirebbe di forma ovale sui suoi anelli “e si sposterebbe col passare del tempo”, ha detto il team. Durante gli equinozi, il sole giace sullo stesso piano degli anelli. In questi momenti, alle medie latitudini della Terra, l’ombra del pianeta sembrerebbe estendersi attraverso gli anelli nella sua massima estensione, facendo precipitare grandi porzioni degli anelli nell’oscurità. All’equatore, gli anelli sembrerebbero dividere il sole, proiettando un’ombra drammatica su metà del mondo.

Durante l’ estate nell’emisfero settentrionale e l’inverno nell’emisfero australe, gli anelli proietterebbero le loro ombre sull’emisfero meridionale e viceversa. Ciò potrebbe significare che gli inverni in entrambi gli emisferi potrebbero essere più freddi e più rigidi di quanto non siano sulla nostra Terra.

In quanto punti di riferimento celesti che non cambiano mai la loro posizione nel cielo, gli anelli avrebbero quasi certamente giocato un ruolo chiave nelle mitologie. A latitudini temperate, si potrebbe immaginare che l’aspetto degli anelli come un arco possa simboleggiare un ponte tra il cielo e la Terra. Dato che gli anelli possono assomigliare ad archi giganti, gli esploratori potrebbero voler vedere dove toccano gli archi, proprio come una persona aspira a vedere cosa c’è alle estremità di un arcobaleno.

Gli anelli potrebbero potenzialmente servire come straordinari aiuti alla navigazione. Ci si potrebbe chiedere come potrebbero supportare i viaggi, l’esplorazione, il commercio, la migrazione e l’invasione. Tuttavia, gli anelli probabilmente interferirebbero con l’astronomia, ostacolando la vista dal suolo del cielo notturno. Ciò potrebbe a sua volta limitare ciò che gli scienziati su un pianeta inanellato potrebbero sapere sui dettagli chiave del cosmo, come l’esistenza di altre galassie o l’ espansione dell’universo. In sostanza, sebbene la visione di una Terra inanellata possa sembrare una fantasia, una volta, per un momento, potrebbe essere stata vera.