covid-19 cdc

Il CDC (Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie) statunitense ha dichiarato di aver pubblicato erroneamente una guida secondo cui il Covid-19 può essere trasmesso da minuscole particelle che aleggiano nell’aria. “Una bozza delle modifiche proposte a queste raccomandazioni è stata pubblicata per errore sul sito ufficiale dell’agenzia”, ​​ha detto il CDC in una e-mail. “CDC sta attualmente aggiornando le sue raccomandazioni riguardanti la trasmissione aerea di SARS-CoV-2 (il virus che causa il Covid-19). Una volta completato questo processo, verrà pubblicato l’aggiornamento”, ha aggiunto nella dichiarazione.

Dall’inizio della pandemia, scienziati ed esperti medici hanno gareggiato per comprendere meglio il nuovo coronavirus e come si diffonde. La guida CDC ha affermato che l’inalazione di goccioline respiratorie o piccole particelle quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla è considerata il modo principale in cui il virus si diffonde. In particolare tra persone che sono in stretto contatto tra loro. La scorsa settimana, sono state aggiunte informazioni su minuscole particelle nell’aria che possono essere inalate da altri.

“È possibile che Covid-19 possa diffondersi attraverso le goccioline e le particelle sospese nell’aria che si formano quando una persona che ha il virus tossisce, starnutisce, canta, parla o respira”, ha affermato il CDC nel messaggio ora rimosso. “C’è una crescente evidenza che le goccioline e le particelle nell’aria possono rimanere sospese ed essere respirate da altri, e percorrono distanze superiori a 6 piedi (ad esempio, durante le prove del coro, nei ristoranti o nelle lezioni di fitness). In generale, gli ambienti interni senza una buona ventilazione aumentano questo rischio.”

covid-19 cdc

Gli scienziati fugano ogni dubbio sull’erronea dichiarazione del CDC

L’improvvisa inversione avviene tra le prove scientifiche che suggeriscono che queste minuscole particelle virali possono effettivamente rimanere nell’aria e infettare le persone mentre inspirano. A luglio, più di 200 scienziati provenienti da diversi settori hanno contribuito a una lettera aperta invitando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a riconoscere che il coronavirus può diffondersi nell’aria e sollecitando l’organismo globale ad aggiornare la sua guida ufficiale sull’argomento.

Gli scienziati hanno scritto che gli studi hanno dimostrato “oltre ogni ragionevole dubbio che i virus vengono rilasciati durante l’espirazione, parlando e tossendo in micro-goccioline abbastanza piccole da rimanere in aria”. Queste micro-goccioline, o aerosol, contengono meno virus rispetto alle goccioline grandi quando una persona tossisce o starnutisce. Ma poiché sono più leggeri, possono anche rimanere nell’aria per un periodo di tempo prolungato, possibilmente più a lungo in aree ristrette che non sono ben ventilate, hanno detto gli scienziati.

La scorsa settimana, il CDC ha rilasciato una controversa guida Covid-19 che diceva che le persone che non avevano sintomi non avevano bisogno di essere testate, il che ha suscitato un’ondata di critiche da parte degli esperti di salute. Il CDC ora afferma che chiunque sia stato a meno di 6 piedi da una persona con infezione confermata per almeno 15 minuti dovrebbe sottoporsi a un test. L’agenzia ha definito le modifiche un “chiarimento necessario a causa del significato della trasmissione asintomatica e presintomatica”.