covid luce uv-c n95

La luce UV-C uccide il coronavirus sulle mascherine N95, decontaminandole efficacemente in modo che possano essere riutilizzate in sicurezza, lo hanno annunciato i ricercatori di dermatologia dell’Henry Ford Health System e dell’Università del Michigan.

Una carenza di maschere di grado medico all’inizio della pandemia Covid-19 ha spinto i sistemi sanitari a collaborare a un progetto per testare se un’alta dose di luce UV-C – usata per trattare alcune condizioni della pelle come la vitiligine e la psoriasi – avrebbe ucciso il virus conservando comunque l’integrità delle mascherine.

Cinque tipi di N95 sono stati testati durante lo studio presso il laboratorio di ricerca SARS-CoV-2 della U-M ad Ann Arbor. Sono stati contaminati con quattro gocce del virus dal Biodefense and Emergency Infections Research Resources Repository del governo federale. Le goccioline di virus sono state collocate in quattro aree di ciascuna maschera: il nasello, l’apice, il mento e il cinturino.

Gli scienziati hanno scoperto che le maschere potevano essere decontaminate in meno di due minuti utilizzando la luce UV-C. Il processo è stato più efficace su diverse parti dei cinque modelli che hanno testato: la parte facciale della maschera 3M 1860 e del Moldex 1511, nonché le cinghie del 3M 8210 e del Moldex 1511.

“I nostri risultati rivelano un’opzione pratica e praticabile nel caso in cui gli ospedali dovessero riscontrare carenze di N95 in futuro“, ha affermato il dottor David Ozog, presidente del Dipartimento di Dermatologia di Henry Ford e autore principale dello studio pubblicato sull’International Journal of Infectious Diseases. “L’uso di UV-C ha dimostrato di essere efficace nell’uccidere altri coronavirus e il virus dell’influenza”, ha dichiarato. “Siamo stati in grado di replicare tale efficacia di sterilizzazione con Covid-19”.

covid luce uv-c n95

La decontaminazione è una soluzione alternativa, ma gettarla via è ancora la prima opzione

Sebbene lo studio dimostri che le maschere per il viso di grado medico possono essere decontaminate usando la luce, Ozog ha sottolineato che dovrebbe essere utilizzata solo in caso di grave carenza di N95. Le mascherine sporche dovrebbero essere gettate via piuttosto che decontaminate. I ricercatori hanno anche raccomandato di pulire le cinghie delle maschere con etanolo prima di trattarle con luce UV-C come ulteriore precauzione di sicurezza. Alcune cinghie delle maschere hanno mostrato segni di degrado dopo essere state esposte alla luce e i ricercatori hanno affermato che tutte le mascherine che sono state decontaminate in questo modo dovrebbero essere testate prima dell’uso.

“Quando il dottor Ozog ci ha contattato per aiutarci a dimostrare l’efficacia della loro procedura di sterilizzazione UV con il virus SARS-CoV-2 vivo, abbiamo immediatamente concordato e capito che potevamo fornire un po ‘di fiducia ai loro operatori sanitari sull’efficacia di questa procedura”, ha detto Jonathan Sexton, direttore dell’UM Center for Drug Repurposing e coautore dello studio.

Sebbene la luce UV-C abbia dimostrato di essere un modo efficace per disinfettare le mascherine contaminate da coronavirus, i ricercatori hanno avvertito che dovrebbe essere utilizzata solo in caso di scarsità di approvvigionamento. E le maschere sporche non dovrebbero mai essere decontaminate e riutilizzate. Scartare un N95 usa e getta contaminato dopo un singolo utilizzo è “ancora l’ideale”, ha riferito la dottoressa Angela Torres, un collega di dermatologia di Henry Ford.