coronavirus-inverno

Le alte temperature combinate con la bassa umidità consentono alle goccioline contaminate dal nuovo coronavirus di evaporare più rapidamente, riducendo la loro capacità di infettare le persone. Secondo gli scienziati, la velocità con cui evaporano le goccioline di saliva, determinata dalla temperatura e dall’umidità relativa dell’atmosfera, è un fattore chiave nel tasso di proliferazione del Covid-19.

Utilizzando un modello computerizzato, il team ha scoperto che “le alte temperature e la bassa umidità causano alti tassi di evaporazione delle goccioline di saliva contaminata, che riduce significativamente la vitalità del virus“, afferma Talib Dbouk, uno degli autori dello studio pubblicato, questo martedì, sulla rivista scientifica Physics of Fluids.

 

Il timore di una seconda ondata

Inoltre, i ricercatori hanno esaminato l’influenza della velocità del vento sulla diffusione del virus, avendo scoperto che la nuvola di goccioline contaminate mantiene la sua forma sferica con venti sia di 10 metri al secondo che di 15 metri al secondo. Pertanto, la distanza sociale deve essere rispettata non solo nella direzione del vento, ma anche nella direzione perpendicolare ad esso, aggiungono gli scienziati.

Questi risultati devono essere presi in considerazione a causa della possibilità di una seconda ondata in autunno e in inverno, quando basse temperature e alte velocità del vento aumenteranno la sopravvivenza e la trasmissione del virus nell’aria“, afferma il team.

La nuova pandemia di coronavirus ha infettato più di 31 milioni di persone in tutto il mondo, di cui oltre cinque milioni in Europa.