Covid-19 particelle aria

In un laboratorio dell’Università del Maryland alcuni studiosi stanno esaminando quanto siano pericolose le particelle nell’aria portatrici del Covid-19. Nel laboratorio le persone infettate dal virus si alternano sedendosi su una sedia e mettendo la faccia nell’estremità grande di un grande cono. Recitano l’alfabeto e cantano o semplicemente si siedono in silenzio per mezz’ora. A volte tossiscono.

Il cono risucchia tutto ciò che esce dalla bocca e dal naso. Fa parte di un dispositivo chiamato “Gesundheit II” che sta aiutando gli scienziati a studiare una grande domanda: come si diffonde il virus che causa COVID-19 da una persona all’altra?

 

Covid-19, quanto sono pericolose le particelle nell’aria?

Le persone espellono le particelle mentre tossiscono, starnutiscono, cantano, gridano, parlano e persino respirano. Ma le gocce sono disponibili in una vasta gamma di dimensioni e gli scienziati stanno cercando di definire quanto siano rischiosi i vari tipi. La risposta influisce su ciò che dovremmo fare tutti per evitare di ammalarci.

La raccomandazione di rimanere a una distanza di almeno 2 metri si basa sull’idea che le particelle più grandi cadono a terra prima che possano viaggiare molto lontano. Sono come le goccioline in uno spritz di un lavavetri e possono infettare qualcuno atterrando sul naso, sulla bocca o sugli occhi, o magari venendo inalati.

Alcuni scienziati si stanno ora concentrando su particelle più piccole, quelle che si diffondono più come il fumo di sigaretta. Quelli sono trasportati da sbuffi d’aria e persino correnti d’aria verso l’alto causate dal calore del nostro corpo. Possono rimanere nell’aria per minuti o ore, diffondendosi in una stanza e accumulandosi se la ventilazione è scarsa.

Covid-19 particelle aria

Oltre a mantenere la distanza, attuare anche altre regole per evitare il contagio

Per queste particelle, chiamate aerosol, “2 metri non è una distanza magica”, afferma Linsey Marr, uno dei principali ricercatori che le sta studiando al Virginia Tech di Blacksburg. Ma dice che è ancora importante mantenere le distanze dagli altri, “più sono lontani, meglio è”, perché gli aerosol sono più concentrati vicino a una fonte e rappresentano un rischio maggiore a distanza ravvicinata.

La diffusione di aerosol è possibile ma non sembra essere il modo principale in cui le persone vengono infettate. Ulteriori ricerche potrebbero cambiare questa conclusione e ciò esorta gli scienziati a studiare la frequenza con cui si verifica la diffusione dell’aerosol del coronavirus, quali situazioni la rendono più probabile e quali misure ragionevoli potrebbero prevenirla.

La loro principale aggiunta alle raccomandazioni, già largamente dette, è la ventilazione per evitare un accumulo di concentrazione di aerosol. Quindi, dicono i ricercatori, di stare lontano da stanze scarsamente ventilate. Aprire finestre e porte. Si possono anche usare dispositivi per la purificazione dell’aria o luce ultravioletta che inattiva i virus.

La durata dell’esposizione è importante, quindi probabilmente non c’è molto rischio da una breve corsa in ascensore mentre si è mascherati o essere passati da un jogger sul marciapiede, dicono gli esperti. Gli scienziati hanno pubblicato strumenti online per calcolare il rischio di diffusione per via aerea in vari contesti.