giostra giappone

Dai santuari di Nikko e dai templi di Kyoto ai castelli di Matsumoto e Himeji, i giapponesi sono fieramente orgogliosi dei monumenti secolari del patrimonio culturale del proprio paese. Ma non è così per una giostra di 113 anni nella capitale della nazione. Dopo mezzo secolo di intrattenimento nel parco divertimenti Toshimaen a Tokyo, l’El Dorado è ora ferma in magazzino. Il suo destino è ora sconosciuto.

La giostra è stata rimossa per lasciar spazio ad un parco a tema Harry Potter – una storia familiare in un paese molto antico che tende a scartare ciò che è vecchio con il nuovo. Con gli ultimi giri della giostra arrivò un ultimo barlume di nostalgia, mentre centinaia di persone si precipitarono a cavalcare i suoi cavalli intagliati a mano e i suoi carri di legno decorati prima che il parco chiudesse alla fine di agosto.

La nostalgia, però, è fugace. I conservazionisti storici temono che il pubblico giapponese non si radunerà per salvare la giostra, come hanno fatto i gruppi negli Stati Uniti e in Europa per altre giostre. Dopo la seconda guerra mondiale, il governo giapponese ha approvato una legge in base alla quale le strutture costruite dopo il XVII secolo potevano essere designate come proprietà del patrimonio culturale. Tuttavia l’El Dorado non è ancora considerata abbastanza vecchia da garantire una designazione storica in Giappone.

Per ora, la Seibu Railway Company, proprietaria del terreno dove si trovava la giostra, non ha detto dove è immagazzinata o se riaprirà in un nuovo punto. Durante una cerimonia di chiusura del parco, il capo di Toshimaen, Tatsuya Yoda, ha proclamato che l’El Dorado “avrebbe continuato a brillare per sempre”, ma non era chiaro se si riferisse semplicemente alla memoria o in un altro luogo.

 

La storia di El Dorado

L’El Dorado è stata progetta nel 1907 da Hugo Haase, un ingegnere meccanico tedesco, la giostra poteva ospitare 154 visitatori e presentava 4.200 pezzi a specchio e dipinti di dee e Cupidi sul lato inferiore del baldacchino. Dopo che l’imperatore Guglielmo II invitò Roosevelt in Germania per vedere la giostra nel 1910, il signor Haase propose che fosse spostata negli Stati Uniti. Un anno dopo, i proprietari dello Steeplechase Amusement Park a Coney Island hanno importato il carosello a Brooklyn. La tradizione locale narra che i visitatori, tra cui Al Capone e Marilyn Monroe, percorsero l’El Dorado prima che lo Steeplechase Park chiudesse nel 1964 e la giostra fosse spostata in deposito per la prima volta.

I proprietari del parco divertimenti giapponese Toshimaen, che ospitava il primo lazy river pool del Giappone e molte altre giostre di fabbricazione tedesca, hanno sentito parlare dell’El Dorado e hanno fatto subito un’offerta. La giostra smontata viaggiò via mare fino a Tokyo nel 1969, dove le parti arrivarono in grave rovina, strati di vernice sgargiante che si staccavano dai cavalli di legno e dai maiali. La ristrutturazione ha richiesto due anni.

Più di 20 anni dopo, quando scoppiò la bolla economica nel mercato immobiliare e azionario giapponese, le persone licenziate non potevano più permettersi di visitare un parco di divertimenti e il numero di visitatori di Toshimaen precipitò. Poi, mentre l’economia si riprendeva lentamente, altri parchi di divertimento come Disneyland Tokyo, Hello Kitty World e Universal Studios Japan sono stati aperti, travolgendo i clienti di Toshimaen.

Il parco ha fatto poco per aggiornare le sue attrazioni: quando è stato chiuso, una giostra con delle macchine rotanti mostrava ancora immagini di Tina Turner e Prince. Nei giorni precedenti la morte di Toshimaen, alcuni in fila per un ultimo giro sulla giostra hanno detto che non vedevano l’ora che il parco venisse sostituito.

giostra giappone

Una seconda vita per la giostra centenaria?

Per altri la giostra è molto più vicina ai loro cuori. Alla fine del mese scorso, Hiroshi Uchida, un veterano del parco da 40 anni e un conoscitore del carosello, ha parlato a un gruppo di quasi 100 visitatori in un piccolo museo raccontandone la storia. La fervida speranza del signor Uchida, ha detto, era di vedere la giostra – che secondo lui era stata visitata da 56 milioni di persone nel corso degli anni a Tokyo – operare di nuovo in un quarto luogo.

Il signor Uchida ha lavorato come ingegnere al parco ed era così appassionato dell’El Dorado che nel 1986 ha sposato una collega di fronte alla giostra. Mentre faceva il suo discorso, una donna che filmava con il sul suo cellulare si asciugò le lacrime. Su una parete del museo, centinaia di visitatori hanno appiccicato post-it dai colori vivaci con messaggi malinconici. “Ho pianto un’ultima volta mentre facevo un giro intorno all’El Dorado. Grazie”, si legge in uno di questi.

In un’intervista dopo il suo discorso, il signor Uchida ha detto che forse Seibu, il proprietario del parco, potrebbe ricostruire la giostra dietro uno dei suoi hotel. O forse un altro parco, o anche un villaggio potrebbe ospitarlo, come per altre giostre nei centri storici d’Europa. Ma la sua speranza alla fine è che la giostra possa rimanere a Tokyo. “Se l’El Dorado avesse un’anima penso che sarebbe molto traumatico trasferirsi di nuovo”, ha detto Uchida. “Pensava di avere una sede permanente in Germania, poi si è trasferita a New York, e poi di nuovo in Giappone. Era qui da 50 anni. Non si può dare un prezzo a questo”, ha dichiarato Uchida.