tempeste solari

Le tempeste solari sono eventi comuni sul Sole e coinvolgono lo scudo magnetico del pianeta, il quale, interagendo con le particelle elettriche, produce dei flussi di energia che possono giungere fino alla Terra.

Talvolta queste tempeste solari sono così potenti che possono creare problemi al nostro pianeta, ad esempio interagendo con i satelliti o con altre strumentazioni elettriche poste sulla superficie del pianeta stesso.

 

Tempeste solari, eventi catastrofici che causano il blackout

Questi eventi estremi di meteorologia spaziale hanno il potenziale per essere catastrofici, causando blackout che disabiliterebbero qualsiasi cosa collegata a una presa e danni ai trasformatori che potrebbero richiedere anni per la riparazione. Monitoraggio e previsioni accurati sono quindi importanti per ridurre al minimo i danni.

Ora, un gruppo di ricerca ha mostrato come le CME potrebbero essere più estreme quando due eventi si susseguono. I loro risultati sono pubblicati sul numero speciale di Solar Physics incentrato sulla meteorologia spaziale.

Si stima che il CME viaggi a circa 2.250 chilometri al secondo, il che lo rende paragonabile a uno dei più grandi eventi mai registrati, il cosiddetto evento di Carrington nel 1859. Le stime dei danni per un tale evento che colpisce la Terra oggi sono ammontate a trilioni di dollari. È l’evento meteorologico spaziale più estremo dell’era spaziale, e se questo evento colpisse la Terra le conseguenze potrebbero causare blackout tecnologici e gravi interruzioni.

Tuttavia, scopriamo che questo evento avrebbe potuto effettivamente essere ancora più estremo, più veloce e più intenso, se fosse stato lanciato diversi giorni prima direttamente dietro un altro evento. Per determinare cosa rendesse la CME cosi estrema, il team ha indagato su una delle possibili cause. È stato suggerito che un’ECM può “aprire la strada” a un’altra.

tempeste solari

Ingrandimento di eventi meteorologici spaziali estremi

Le CME viaggiano più velocemente del vento solare ambientale, il flusso di particelle cariche che fluisce costantemente dal sole. Ciò significa che il vento solare esercita una resistenza sulla CME in movimento, rallentandola. Se una precedente CME è passata di recente, il vento solare sarà influenzato in modo tale da non rallentare così tanto la successiva CME. Questo è simile al modo in cui i piloti di auto da corsa “scorrono” uno dietro l’altro per ottenere un vantaggio in termini di velocità.

Il team ha creato un modello che rappresentava accuratamente le caratteristiche dell’evento e poi ha simulato cosa sarebbe accaduto se fosse accaduto prima o dopo. Hanno scoperto che al momento dell’evento il vento solare si era ampiamente ripreso dall’evento precedente, quindi l’evento precedente ha avuto un impatto minimo.

Tuttavia, il loro modello ha mostrato che se quest’ultimo CME si fosse verificato prima, più vicino all’evento del 19 luglio, allora sarebbe stato ancora più estremo, forse raggiungendo velocità fino a 2750 chilometri al secondo o più. Il sole sta ora entrando nel suo prossimo ciclo di 11 anni di crescente attività, che porta maggiori possibilità di tempeste solari legate alla Terra.

C’è sempre la possibilità che si verifichino scenari simili o peggiori nel prossimo ciclo solare, pertanto modelli di previsione accurati sono fondamentali per mitigarne gli effetti per un prossimo futuro.