cina bambino peste bubbonica

Le autorità di una contea della Cina sud-occidentale hanno registrato un nuovo caso di peste bubbonica, poiché i funzionari hanno attivato lo stato di emergenza per prevenire la diffusione della malattia. Secondo i media statali, un bambino di tre anni di un remoto villaggio nel paese di Menghai, nella provincia dello Yunnan, è stato infettato dalla peste bubbonica.

La Cina sta anche affrontando la minaccia della malattia che si diffonde dal suo vicino paese, la Mongolia, che ha dichiarato che almeno 17 delle 21 province del paese sono a rischio di peste bubbonica. La peste bubbonica, nota come “peste nera” nel Medioevo, è una delle malattie più devastanti della storia, avendo ucciso circa 100 milioni di persone nel XIV secolo.

Le autorità di Menghai hanno lanciato venerdì uno stato di emergenza di livello quattro dopo aver segnalato il giovane paziente come un caso sospetto di peste bubbonica. La dichiarazione diceva che il paziente aveva sintomi lievi ed era in condizioni stabili dopo il trattamento.

 

L’infezione potrebbe essere stata trasmessa dai ratti

I funzionari non hanno specificato come il bambino fosse stato infettato, ma hanno detto che un’infestazione di topi si era verificata nella contea il 21 settembre dopo che tre ratti erano stati trovati morti per ragioni sconosciute in un villaggio. Il ragazzo è stato diagnosticato durante uno screening per la malattia a seguito della peste dei ratti.

Funzionari nazionali e provinciali sono arrivati ​​a Menghai come parte della stato di emergenza del governo, mentre squadre di operatori sanitari stanno effettuando ispezioni, imponendo quarantene e sottoponendo a screening i pazienti sospetti con febbre. La notizia arriva dopo che la Cina ha riferito di due morti causate dalla peste da gennaio.

cina bambino peste bubbonica

Altri casi di peste in Cina

Il 6 agosto, la commissione sanitaria della città di Baotou ha confermato che un residente è morto per una diversa forma della malattia quattro giorni prima. La città di Baotou, nella regione autonoma della Mongolia Interna della Cina settentrionale, ha riferito che la vittima aveva contratto la peste enterica. Una seconda vittima è morta per insufficienza multipla d’organo in un caso di peste bubbonica, lo ha riferito il giorno successivo la commissione sanitaria di Bayan Nur della Mongolia Interna.

La peste bubbonica, una delle quattro forme di malattia, è una delle malattie più devastanti della storia. La peste enterica, nota anche come peste faringea, attacca il sistema digestivo di una persona e può insorgere a seguito dell’esposizione ad aerosol infettivi o per ingestione di carne infetta. Le altre forme di malattia sono la peste polmonare, una grave infezione polmonare e la peste setticemica, che colpisce il sistema sanguigno.

La Cina ha ampiamente debellato la peste, ma vengono ancora segnalati casi occasionali. L’ultima grande epidemia nota della malattia è stata nel 2009, quando diverse persone sono morte nella città di Ziketan, nella provincia del Qinghai, sull’altopiano tibetano. Tuttavia, gli esperti sanitari britannici hanno affermato che nessuna prova mostra che la peste bubbonica possa essere trasmessa da una persona all’altra, quindi è improbabile che possa innescare un’altra crisi sanitaria.