Ratti talpa di Ansell

Quasi ciechi, scavatori sotterranei, i ratti talpa di Ansell possono percepire i campi magnetici con i loro occhi, secondo uno studio. Originari dello Zambia, gli animali hanno gli occhi che si estendono solo 1,5 millimetri di diametro, vivono in complessi sistemi di gallerie sotterranee di fino a 2.8km lunghe e si nutrono di tuberi e radici di piante.

Gli occhi della talpa di Ansell sono a malapena funzionali. Non possono vedere il colore o formare immagini nitide e la loro funzione principale è distinguere tra luce e buio. Tipicamente, gli animali mostrano un’innata preferenza per costruire nidi nel settore sud-est di un’arena circolare, mentre altri ratti talpa preferiscono direzioni diverse.

 

Ratti talpa di Ansell, i loro occhi cechi rilevano i segnali magnetici

I ricercatori dell’Università di Duisburg-Essen in Germania hanno rimosso chirurgicamente gli occhi di un gruppo di talpe, per capire il loro orientamento. Inizialmente, hanno testato sei coppie talpa-ratto, scoprendo che prima dell’intervento preferivano il sud-est per la costruzione del nido, ma dopo l’intervento chirurgico l’attività era casuale. Questi risultati hanno suggerito che i sensi magnetici dei roditori erano alterati dopo l’intervento, ma non sono esclusi altri fattori, tra cui la topografia.

Un secondo esperimento è stato quindi condotto confrontando 10 ratti talpa con occhi rimossi chirurgicamente con 10 in un gruppo di controllo. I ricercatori hanno provato quattro allineamenti del campo magnetico: quelli del gruppo di controllo andavano a sud-est, mentre l’altro gruppo non era parziale in quella direzione.

La magnetoricezione, la capacità di percepire i campi magnetici, è stata dimostrata in una serie di animali, ma la struttura e la posizione delle cellule dei magnetorecettori non sono state chiare. Ricerche precedenti hanno anche indicato che gli occhi di questa talpa sono indispensabili per rilevare segnali magnetici.

Ratti talpa di Ansell

La magnetoricezione

In un esperimento, quando applicato un anestetico locale alla cornea dell’occhio dei ratti talpa,  la loro capacità di orientarsi si perde. Questo approccio ha avuto alcuni inconvenienti, ha detto l’autore del nuovo studio, Kai Caspar, poiché il farmaco potrebbe penetrare la barriera emato-encefalica e innescare un effetto a cascata sul sistema nervoso.

Il recettore in questione non sembrava essere posizionato in un ordine spaziale: qualsiasi organo potrebbe fare il trucco, ha detto Caspar, osservando che i topi talpa ciechi mantengono la loro capacità di rilevare segnali magnetici . Non sappiamo ancora perché le talpe Ansell mantengano gli occhi. Questa magnetoricezione sembra non essere la risposta.