Covid-19 gusto

Tra i possibili sintomi della Covid-19, l’infezione scatenata dal coronavirus SARS-COV-2, figurano anche la perdita dell’olfatto e del gusto. I due sintomi, molto forti, comparirebbero quando si sta guarendo e c’è qualche dubbio sulla loro totale reversibilità.

Quattro persone su cinque con improvvisa perdita dell’olfatto o del gusto sono risultate positive agli anticorpi Covid-19. I risultati suggeriscono che una perdita acuta dell’olfatto o del gusto è un indicatore di virus altamente affidabile, dicono gli scienziati.

 

Covid-19, la perdita del gusto è un nuovo sintomo del virus

I ricercatori hanno valutato i dati sanitari dei centri di assistenza primaria a Londra. Hanno scoperto che il 78% delle persone che hanno segnalato un’improvvisa perdita dell’olfatto e / o del gusto al culmine della pandemia aveva anticorpi Covid-19. Di queste persone, il 40% non aveva né tosse né febbre. Secondo i ricercatori è la prima volta che viene calcolata una cifra del genere.

L’autrice principale, la professoressa Rachel Batterham ha dichiarato: “Mentre ci avviciniamo a una seconda ondata di infezioni, il riconoscimento precoce dei sintomi di Covid-19 da parte del pubblico insieme a un rapido autoisolamento e test sarà di vitale importanza per limitare il diffusione della malattia.”

Mentre le persone nel Regno Unito che sperimentano un’improvvisa perdita dell’olfatto o del gusto sono consigliate di autoisolarsi e cercare un test, a livello globale pochi paesi riconoscono questo sintomo come un indicatore Covid-19 . La maggior parte si concentra sulla febbre e sui sintomi respiratori.

Covid-19 gusto

Un criterio di isolamento

I risultati mostrano che la perdita dell’olfatto e del gusto è un indicatore altamente affidabile che qualcuno potrebbe avere il Covid-19 e se vogliamo ridurre la diffusione di questa pandemia, ora dovrebbe essere considerata dai governi a livello globale come un criterio per isolamento, test e tracciamento dei contatti.

Un totale di 590 partecipanti si sono iscritti tramite una piattaforma basata sul web e hanno risposto a domande sulla perdita dell’olfatto e del gusto e altri sintomi correlati a Covid-19. Di questi, 567 hanno poi avuto un consulto con un operatore sanitario che ha confermato la storia dei loro sintomi e ha supervisionato un test per scoprire se avevano anticorpi contro il coronavirus.

Lo studio, pubblicato su PLOS Medicine, ha rilevato che il 77,6% delle 567 persone con perdita di odore e / o gusto aveva anticorpi SARS-CoV-2. Di questi il ​​39,8% non aveva tosse o febbre e i partecipanti con perdita dell’olfatto avevano tre volte più probabilità di avere anticorpi rispetto a quelli con perdita del gusto.

Il professor Batterham ha aggiunto: “La nostra ricerca suggerisce che un messaggio chiave per la salute pubblica dovrebbe essere: le persone che notano una perdita nella loro capacità di annusare odori domestici quotidiani come aglio, cipolla, caffè e profumi dovrebbero autoisolarsi e cercare un tampone PCR per il coronavirus. “