ubisoft molestie

Il CEO di UbisoftYves Guillemot – ha pubblicato i risultati di un sondaggio tra i dipendenti condotto dalla società durante l’estate a seguito di accuse di molestie, e i risultati aprono gli occhi. Nell’indagine svolta su quasi 14.000 dipendenti, un intervistato su quattro ha affermato di aver assistito o sperimentato molestie sul posto di lavoro negli ultimi due anni, e uno su cinque ha affermato di non sentirsi “pienamente rispettato o al sicuro nell’ambiente di lavoro.” I risultati hanno anche rilevato che le donne hanno assistito o avevano maggiori probabilità di subire o assistere a molestie rispetto agli uomini.

Ubisoft afferma che il sondaggio – condotto da una società di ricerca di terze parti – è iniziato “poco dopo le accuse iniziali” di quest’estate su molestie sessuali, cattiva condotta, sessismo e razzismo in un ambiente di lavoro definito malsano dai dipendenti. A seguito di tali accuse, una serie di dirigenti e leader creativi di Ubisoft sono stati licenziati o si sono dimessi dai loro ruoli attuali, tra cui Tommy François , Maxime Béland , Ashraf Ismail , Serge Hascoët e Yannis Mallat. Anche il veterano di Ubisoft Michel Ancel ha recentemente lasciato la compagnia; un successivo rapporto del quotidiano francese Libération ha affermato che ciò era dovuto a un’indagine in corso sulla discutibile gestione di Ancel dello sviluppo di Beyond Good and Evil 2.

ubisoft molestie

Grandi cambiamenti in vista in casa Ubisoft

La lettera di Guillemot prosegue spiegando che l’azienda spera di iniziare ad affrontare questi problemi e contribuire a creare un ambiente di lavoro migliore e più sicuro in Ubisoft. Guillemot fa notare inoltre che la società ha in atto nuovi meccanismi per segnalare in modo anonimo le accuse di molestie in modo che possano essere indagate ulteriormente. Ubisoft sta anche rivedendo il suo codice di condotta aziendale obbligatorio e sta conducendo formazione obbligatoria contro il sessismo e le molestie in tutta l’azienda.

Ubisoft sta ora lavorando per assumere un nuovo responsabile della diversità e dell’inclusione e nuovi vicepresidenti, e vorrebbe che le donne rappresentino almeno il 24% dello staff di Ubisoft entro il 2023 (rispetto all’attuale 22%). Questi cambiamenti si aggiungono agli sforzi precedentemente annunciati per una maggiore diversità e rappresentanza in azienda, che includono nuovi programmi di tutoraggio per le donne e le minoranze sottorappresentate.

“Tutti in Ubisoft dovrebbero essere in grado di sentirsi sicuri e avere le stesse opportunità, indipendentemente dal sesso, dal colore della pelle, dalla religione, dall’età o da altri tratti individuali”, si legge dalle osservazioni finali di Guillemot. Sulla base del modo in cui l’azienda ha gestito gli affari negli ultimi decenni, tuttavia, Ubisoft sembra avere ancora molta strada da fare prima di raggiungere l’obiettivo.