Covid-19 monitoraggio USA

Le app Covid-19 stanno iniziando a prendere piede sei mesi dopo che il sistema è stato annunciato per la prima volta perché sta diventando più veloce e più facile per i governi costruire le app. Le app di New York e New Jersey funzionano anche su alcuni confini di stato, risolvendo un grosso problema con le prime versioni.

La tecnologia di monitoraggio che Apple e Google hanno creato per inviare avvisi di esposizione al Covid-19 agli smartphone sta finalmente prendendo piede negli USA. Settanta milioni di persone, ovvero il 21% della popolazione degli Stati Uniti, ora hanno accesso a un’app Covid-19, secondo un’analisi della CNBC che utilizza i dati del censimento degli Stati Uniti.

 

Covid-19, gli USA accettano di utilizzare la tecnologia di monitoraggio di Apple-Google

Presto ne arriveranno anche altri. Cinque altri stati più Washington, DC, hanno annunciato l’intenzione di utilizzare il sistema di notifica dell’esposizione Apple-Google e California e Arizona stanno attualmente testando app in programmi pilota. Se il sistema funziona correttamente, le app forniranno avvisi push a qualsiasi utente entrato in stretto contatto con un altro utente dell’app risultato positivo al coronavirus.

Gli utenti possono anche utilizzare le app per avvisare tutti coloro che erano vicini di essere risultati positivi senza rivelare il loro nome o numero di telefono. Per gli enti sanitari e i governi, le app potrebbero aiutare a rallentare la diffusione del coronavirus identificando le persone che potrebbero risultare positive al test che potrebbero non essere viste con altri metodi, come il tracciamento dei contatti.

Mentre Apple e Google hanno creato strumenti di programmazione chiamati API che hanno consentito a queste app di funzionare sui più recenti iPhone e telefoni Android, i giganti della tecnologia non pubblicano né sviluppano le app da soli. Ciò spetta ai governi e agli organismi di sanità pubblica, che storicamente hanno avuto finanziamenti limitati per investire in nuove tecnologie.

Tuttavia i costi per lo sviluppo di queste app sono finalmente diminuiti, motivo per cui lo slancio sta aumentando. Lo sviluppo dell’app di New York, Covid Alert NY, è iniziato ad agosto e costa 700.000 dollari, un prezzo relativamente basso che è stato in grado di essere coperto da fondi federali e gruppi non profit tra cui Bloomberg Philanthropy.

Ma i governi americani possono trarre vantaggio dalle app create in paesi come l’Irlanda e il Canada perché il codice per tali app è disponibile online e gratuito ed è già stato distribuito a milioni di persone. Invece di creare le app da zero, devono semplicemente personalizzare un’app open source con informazioni sanitarie locali, grafica e lingue specifiche e non devono reinventare codice complicato per misurare i segnali Bluetooth o scrivere politiche sulla privacy e altre note legali da graffiare.

Covid-19 monitoraggio USA

Le app Covid ora parlano tra di loro

Un altro fattore che favorisce lo slancio è il fatto che ora le app statunitensi sono finalmente in grado di parlare tra loro. Gli Stati Uniti non hanno una strategia nazionale per le app, a differenza di altri paesi, quindi lo sviluppo delle app rientra a livello statale. Una preoccupazione per le prime app era che non sarebbero state in grado di comunicare con altre app di notifica dell’esposizione.

Ma le app di New York, New Jersey, Delaware e Pennsylvania potranno tutte scambiarsi notifiche, ha affermato Cuomo questa settimana. Ora le app devono affrontare la sfida più grande: convincere le persone a scaricarle e installarle.

L’app irlandese, su cui si basano New York e New Jersey, ha una base di utenti attivi di 1,3 milioni, ovvero circa il 35% della popolazione adulta. L’app della Virginia è stata la prima ad essere rilasciata negli Stati Uniti, scaricata 460.000 volte nel primo mese, pari all′11% della popolazione dello stato con uno smartphone.

A titolo di confronto, l’app di New York è stata scaricata circa 250.000 volte entro venerdì pomeriggio. L’app del New Jersey è stata scaricata più di 63.000 volte, secondo un tracker all’interno dell’app.