superconduttori

Un team di scienziati ha identificato, per la prima volta, un superconduttore di onde G. La ricerca segna un importante sviluppo in quest’area della fisica. I ricercatori della Cornell University negli Stati Uniti hanno scoperto questo nuovo tipo di superconduttore, una classe di materiali in grado di trasmettere energia con un’efficienza quasi del 100%, senza offrire resistenza elettrica.

Se da un lato si tratta di materiali con un potenziale enorme, anche i superconduttori hanno una caratteristica che ne rende difficile l’utilizzo, poiché necessitano di essere raffreddati a temperature molto basse. Infatti, uno dei materiali più comuni, composto da ittrio, bario e ossido di rame (YBCO), deve essere raffreddato a -180ºC per mostrare caratteristiche di superconduzione.

È per questo motivo che il “Santo Graal” dei fisici è scoprire un superconduttore a temperatura ambiente, in grado di funzionare al di sopra di 0ºC. Una tale scoperta rivoluzionerebbe completamente la tecnologia.

 

I superconduttori e le loro varianti

I superconduttori possono essere suddivisi in due categorie, in base all’orientamento delle coppie di rame formate dai suoi elettroni. In un superconduttore dell’onda S, gli elettroni puntano direttamente l’uno verso l’altro, annullando il momento angolare.

I superconduttori d’onda D hanno già gli elettroni in una direzione diversa, il che crea un momento angolare positivo su un asse e negativo sull’altro, cioè due unità di momento angolare.

La nuova categoria – onda G – è stata scoperta grazie ad un’analisi spettroscopica di risonanza di un materiale chiamato stronzio rutenato, che ha un momento angolare non classificabile in nessuna delle categorie sopra descritte.

L’articolo scientifico con la scoperta è stato recentemente pubblicato su Nature Physics.