Non c’è dubbio che i social network siano uno strumento utile per comunicare oggi, e ancor di più in questo periodo di pandemia in cui i movimenti fisici sono così limitati. Ma come abbiamo sottolineato in diverse occasioni: queste piattaforme sono un’arma a doppio taglio. Sebbene ci aiutino a tenerci aggiornati con gli eventi e le notizie dei racconti che seguiamo, possono anche stimolare ansia, invidia (effetto FOMO) e depressione.

Infatti, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior rivela che l’uso eccessivo dei social media per ottenere informazioni sul COVID-19 è legato alla depressione e ai traumi secondari.

 

Sondaggio sull’influenza di WeChat tra i suoi utenti

I ricercatori hanno reclutato 320 partecipanti che vivevano nei distretti urbani di Wuhan, in Cina. Nel febbraio 2020, quando l’epidemia non era ancora stata classificata come pandemia, è stato inviato loro un sondaggio online che avrebbero dovuto completare.

Le domande chiedevano come accedessero e condividessero le informazioni sanitarie con familiari, amici e colleghi sui social network come WeChat, il più popolare in Cina. Anche sul loro ruolo nel fornire supporto informativo, emotivo e tra pari, nonché sui cambiamenti nel comportamento di salute dei partecipanti derivato dall’uso di detta piattaforma.

I ricercatori hanno utilizzato la scala Likert a cinque punti nel sondaggio, che consente ai partecipanti di valutare le affermazioni da “fortemente in disaccordo” a “fortemente d’accordo“. Questo è ampiamente utilizzato per misurare la dipendenza da Facebook, ma questa volta è stato applicato a WeChat.

 

Vantaggi e rischi dell’utilizzo di WeChat durante la pandemia

Per misurare lo stress nei partecipanti, i ricercatori hanno utilizzato una scala di stress, ansia e depressione di 21 elementi. “Non sembrava provare sentimenti positivi” e “sentivo che la vita non aveva significato” erano alcune delle affermazioni che dovrebbero essere qualificate sulla base di questo.

Hanno scoperto che i residenti di Wuhan intervistati hanno tratto grandi vantaggi dall’utilizzo di WeChat in termini di supporto informativo e tra pari. Inoltre, il social network ha influenzato l’adozione di comportamenti salutari, come un maggiore lavaggio delle mani e l’uso di maschere facciali.

 

Depressione dovuta a un uso eccessivo dei social network

Tuttavia, hanno ricevuto scarso supporto emotivo quando hanno avuto accesso alle informazioni su COVID-19. Più della metà degli intervistati ha riportato un certo livello di depressione e quasi il 20% di loro soffriva di depressione moderata o grave. In particolare, nessuno dei partecipanti ha segnalato alcun disturbo depressivo o traumatico prima che l’indagine fosse condotta.

Abbiamo trovato l’uso dei social media in una certa misura gratificante in quanto ha fornito supporto informativo, emotivo e tra pari relativo ai problemi di salute di COVID-19“, ha detto Bu Zhong, professore associato di giornalismo alla Penn State. “Tuttavia, l’uso eccessivo dei social network ha generato problemi di salute mentale. I risultati implicano che prendersi una pausa dai social media può promuovere il benessere durante la pandemia, che è fondamentale per mitigare i danni alla salute mentale causati dalla pandemia“.

 

Trauma secondario tra gli intervistati

I ricercatori hanno anche valutato i livelli di trauma secondario, definiti da Zhong come i comportamenti e le emozioni derivanti dalla conoscenza di un evento traumatico vissuto da un partner. Tra gli intervistati che hanno riportato un trauma secondario, l’80% ha espresso un basso livello di trauma, mentre il 13% ha riportato livelli moderati e solo il 7% ha riportato livelli elevati.

Sebbene i social network abbiano fortemente influenzato la diffusione di informazioni utili, come le misure preventive durante la pandemia, il suo uso eccessivo può influire sulla nostra salute mentale. Quindi, se questo è stato il tuo caso, non è troppo tardi per prendere una pausa da queste piattaforme per lavorare sul ripristino del tuo benessere psicologico.