Covid-19 cellule fetali

Uno dei farmaci assunti da Donald Trump che ha pubblicizzato come potenziale “cura” per il Covid-19 è stato sviluppato utilizzando cellule umane originariamente ottenute da un aborto elettivo, pratica più volte denunciata dal presidente e da molti suoi sostenitori.

Il farmaco è un cocktail di anticorpi monoclonali sviluppato da Regeneron. Il presidente ha ricevuto un’infusione da 8 grammi con un’esenzione per “uso compassionevole” quando è stato ricoverato in ospedale durante il fine settimana dopo essere risultato positivo al Covid-19. Non esiste una cura per Covid-19 e il farmaco non è approvato.

 

Covid-19, una possibile cura arriva dalle cellule fetali

Le cellule utilizzate per sviluppare il farmaco sono note come cellule HEK-293T, una linea di cellule fetali. Erano originariamente derivate da un rene embrionale dopo un aborto elettivo eseguito nei Paesi Bassi negli anni ’70. Le cellule HEK-293 sono una delle linee cellulari più comunemente utilizzate nei laboratori in un’ampia gamma di ricerche.

Trump ha costantemente cercato di limitare l’accesso all’aborto, anche di recente, quando il mese scorso ha nominato la giudice cattolica conservatrice Amy Coney Barrett alla corte suprema. Il movimento anti-aborto è una delle basi di appoggio più entusiaste di Trump. La piattaforma del partito repubblicano del 2020 si oppone esplicitamente alla ricerca sulle cellule staminali embrionali e chiede il divieto di finanziamenti federali per la ricerca sulle cellule staminali embrionali, perché come le cellule HEK derivano da un embrione.

Trump ha già limitato la ricerca sull’uso di cellule staminali embrionali per ragioni ideologiche. Nel 2019, la sua amministrazione ha sospeso i finanziamenti per gli scienziati del governo per lavorare su studi che coinvolgono cellule staminali embrionali, incassando circa 31 milioni di dollari nella ricerca.

Covid-19 cellule fetali

Tra dubbi e certezze

Lo sviluppo del cocktail di anticorpi Regeneron è sostenuto da una sovvenzione di 450 milioni di dollari. La Susan B Anthony List, uno dei principali gruppi anti-aborto degli Stati Uniti, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Tuttavia, il movimento anti-aborto ha pesato su altri farmaci Covid-19 in fase di sviluppo. Almeno cinque candidati al vaccino Covid-19 hanno utilizzato cellule HEK-293T o una linea di cellule proprietaria sviluppata da Janssen da un aborto elettivo del 1985.

Regeneron ha lavorato per anni con il governo degli Stati Uniti per sviluppare terapie con anticorpi monoclonali. Nel 2018, i ricercatori di Regeneron e del governo degli Stati Uniti hanno utilizzato la stessa linea di cellule nello sviluppo di una terapia per il virus Ebola.

Il farmaco di Regeneron non è disponibile al pubblico ed è stato testato solo su 275 persone fino ad oggi. Le terapie nella stessa classe del cocktail di anticorpi di Regeneron costano in media più di 96.000 dollari a corso. L’amministrazione Trump ha lavorato sistematicamente per limitare l’accesso all’aborto negli Stati Uniti e all’estero.

Il vicepresidente Mike Pence ha detto: “Desidero ardentemente il giorno in cui Roe v Wade sarà mandato nel mucchio di cenere della storia“, riferendosi alla decisione della Corte suprema degli Stati Uniti che ha consentito alle donne di ottenere aborti legali dal 1973.