Covid-19 luoghi chiusi

Non ci vuole molto a capire che le goccioline respiratorie viaggiano molto più velocemente in luoghi chiusi e senza una buona ventilazione. Ciò porta ad un maggior rischio di contagio da Covid-19.

Suresh Dhaniyala un ingegnere ha condotto alcuni esperimenti, in un’aula che aveva la capienza di 30 persone, per monitorare come gli aereosol si muovono compresi quelli che possono trasportare il virus.

 

Covid-19, possibilità di contagio minori in luoghi chiusi

Ciò che viene rivelato può essere importante per combattere la possibilità di contagio ora che con lo scendere delle temperature le persone tornano a lavorare e studiare in luoghi chiusi. L’esperimento condotto indica le aree all’interno della stanza più a rischio e perché sia di vitale importanza la buona ventilazione.

Come abbiamo visto nelle ultime settimane con il presidente Donald Trump e altri a Washington, il Covid-19 può diffondersi rapidamente da vicino se non vengono prese precauzioni. Anche i campus universitari stanno lottando contro il Covid-19. I casi tra i 18 e i 22 anni sono più che raddoppiati nel Midwest e nel Nordest dopo la riapertura delle scuole ad agosto. Con l’aumentare del numero dei casi, aumenta anche il rischio per chiunque trascorra del tempo in quelle stanze.

La maggior parte dei modelli attuali che descrivono il ruolo della ventilazione sul destino dei microbi presenti nell’aria in una stanza presuppongono che l’aria sia ben miscelata, con la concentrazione di particelle uniforme dappertutto. In una stanza poco ventilata o in un piccolo spazio, probabilmente è vero. In questi scenari, l’intera stanza è una regione ad alto rischio.

La ricerca mostra che molto dell’aumento di contagio dipende dalla buona e giusta ventilazione. Per capire ciò si sono iniettate particelle di aereosol simili a quelle umane e monitorate da alcuni sensori. Il tempo impiegato dalle particelle ad espandersi in tutta l’aula è di 10-15 minuti.

Covid-19 luoghi chiusi

Quanta ventilazione è sufficiente?

Tuttavia, a causa della ventilazione attiva nella stanza, le concentrazioni nella parte posteriore, a circa 6,1 metri dalla sorgente, erano circa un decimo delle concentrazioni vicine alla sorgente. Ciò suggerisce che con un’adeguata ventilazione, il rischio più elevato di contrarre Covid-19 potrebbe essere limitato a un piccolo numero di persone vicino all’altoparlante infetto.

In passato, la trasmissione delle malattie respiratorie si è concentrata sul ruolo delle particelle più grandi che si generano quando si starnutisce e si tossisce. Queste goccioline cadono rapidamente a terra e l’allontanamento sociale e l’uso di maschere possono in gran parte prevenire l’infezione da loro.

Per ridurre al minimo la trasmissione di Covid-19 all’interno, la raccomandazione principale è di eliminare la fonte di infezione. L’apprendimento remoto ha fatto ciò in modo efficace in molti campus. Per l’insegnamento faccia a faccia, misure di ingegneria come ventilazione, schermi divisori e unità di filtraggio possono rimuovere direttamente le particelle dall’aria.

La ventilazione è probabilmente lo strumento più efficace per ridurre al minimo la diffusione dell’infezione. Uno scambio d’aria ogni ora significa che l’aria fornita alla stanza per un’ora è uguale al volume d’aria nella stanza. Con l’allontanamento sociale che riduce della metà la popolazione delle classi e tutti indossano maschere, l’aria in molti spazi interni è attualmente più pulita di quanto fosse prima della pandemia.