buco nero stella

È uno di quegli eventi sbalorditivi che può sembrare fantascienza, ma in realtà è semplicemente scienza. Gli astronomi affermano di essere stati in grado di immortalare con dettagli senza precedenti il ​​processo di una stella mentre viene fatta a strisce e divorata da un buco nero. Il potente fenomeno ha attirato l’attenzione degli scienziati quando una nuova esplosione di luce vicino a un buco nero supermassiccio noto è stata avvistata dai telescopi di tutto il mondo.

“In questo caso la stella è stata lacerata con circa metà della sua massa che si alimentava – o si accumulava – in un buco nero di un milione di volte la massa del sole, e l’altra metà è stata espulsa verso l’esterno”, ha spiegato l’astronomo Edo Berger dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

La scena violenta è ciò che gli astronomi chiamano “un evento di interruzione della marea”, che si verifica quando una stella si avvicina troppo a un buco nero e viene distrutta attraverso un processo di spaghettificazione – in pratica, la gravità del buco nero è così intensa che allunga qualunque cosa arrivi quasi verticalmente in forme lunghe e sottili come pezzi di spaghetti mentre inghiotte tutto.

L’evento, che va dalla voce del catalogo AT2019qiz ed è il più vicino bagliore di questo tipo mai visto a soli 215 milioni di anni luce di distanza, è stato catturato abbastanza presto che gli scienziati sono stati in grado di ottenere una visione relativamente non oscurata della carneficina cosmica.

“Potremmo effettivamente vedere la cortina di polvere e detriti che si alzava mentre il buco nero lanciava un potente deflusso di materiale con velocità fino a 10.000 km / s (22 milioni di miglia all’ora)”, ha spiegato Kate Alexander, un Einstein Fellow della NASA a Northwestern University. “Questa è una”sbirciatina dietro le quinte unica che ha fornito la prima opportunità di individuare l’origine del materiale oscurante e seguire in tempo reale come avvolge il buco nero”.

La scoperta potrebbe aiutare i futuri viaggiatori intergalattici

Un documento sulla scoperta è stato pubblicato su Monthly Notice della Royal Astronomical Society. L’evento è così vicino e chiaro che Berger afferma che aiuterà gli scienziati a saperne di più sulle potenti forze al lavoro, in particolare l’attrazione simultanea della stella sminuzzata nel buco nero e l’esplosione di materiale dalla stella verso l’esterno. “Fino ad ora, la natura di queste emissioni è stata molto dibattuta, ma qui vediamo che i due regimi sono collegati attraverso un unico processo”.

La speranza è che AT2019qiz possa essere una sorta di Rosetta Stone per studiare e interpretare ciò che i buchi neri divoreranno in futuro. Un giorno lontano, i viaggiatori spaziali intergalattici potrebbero spostarsi regolarmente nell’universo senza trasformarsi in “spaghetti spaziali” proprio grazie a questa scoperta.