pipistrelli-pandemia

I virus che passano dagli animali agli esseri umani sono stati il ​​punto di partenza di diversi focolai, da Ebola a Zika. Data la somiglianza del Sars-CoV-2 con i coronavirus trovati nei pipistrelli, questo probabilmente ha segnato anche l’origine del Covid-19.

Sappiamo che i virus sono passati dagli animali all’uomo nel corso della storia e continueranno a farlo. Ma i fattori che influenzano l’origine geografica di questi eventi sono meno chiari, anche se molto importanti. Sapere dove si verificano può aiutarci a capire i fattori alla base di un virus che “attraversa” tra le specie, in particolare, osservando le caratteristiche dei microrganismi che circolano nell’ecosistema in cui è avvenuto il salto.

Ma identificare la fonte di un virus a volte è difficile. Il movimento umano è costante e ampio, il che significa che il primo caso di una malattia può essere a centinaia, se non migliaia di chilometri di distanza, da dove è iniziata la trasmissione all’uomo. Detto questo, dove dovremmo cercare il microrganismo che può causare la prossima epidemia?

 

Oltre l’Africa e l’Asia

I virus di solito sorgono dove si incontrano gli esseri umani e gli animali che li trasportano. La ripetuta interazione tra persone, questi animali o insetti e l’ambiente più ampio in cui circola il virus aumentano le possibilità di un salto tra le specie. Si ritiene che questi eventi siano rari e che si verifichino probabilmente a causa di una serie specifica di circostanze che non possono essere necessariamente previste.

Gli esseri umani sono esposti a virus tutto il tempo. La maggior parte di queste esposizioni porta a una “infezione senza uscita”, in cui il virus non viene trasmesso. Occasionalmente, tuttavia, il microrganismo può essere in grado di replicarsi ed essere trasmesso a un nuovo ospite, o da un vettore, a un insetto che stabilisce un nuovo e funzionale ciclo di trasmissione.

Questo è vero in tutto il mondo, anche se le recenti epidemie hanno dato l’impressione che i virus compaiano più in alcuni luoghi che in altri. In particolare, la gravità di focolai come la SARS in Asia e l’Ebola in Africa fa sembrare che questi siano gli unici luoghi in cui ciò accade. Questo non è il caso.

Ad esempio, il virus Schmallenberg, che infetta principalmente il bestiame e provoca aborto spontaneo negli animali infetti, è apparso di recente in Europa. E anche se non si sente molto parlare di virus che emergono dal Sud America, lo fa. Il virus dell’encefalite equina venezuelana e il virus Mayaro hanno causato ripetute epidemie nell’America meridionale e centrale. È solo perché queste malattie non si sono diffuse oltre le Americhe che non sono più ampiamente conosciute.

Un altro fattore che ha impedito al virus Mayaro di ricevere maggiore attenzione è che ha sintomi molto simili a quelli di una malattia causata da un altro virus. A sua volta, viene spesso diagnosticato anche come dengue, indicando che il vero numero di casi di Mayaro non viene segnalato.

Ciò indica un problema più ampio: la maggior parte dei virus inizialmente causa sintomi molto simili. Nelle aree in cui la dengue o la malaria sono endemiche, la maggior parte delle malattie virali viene attribuita a queste infezioni, mascherando la comparsa di nuovi virus fino a quando non diventano comuni, a quel punto potrebbero essersi diffusi dal loro luogo di origine. Sono necessarie diagnosi più efficaci e più rapide per identificare questi tipi di nuove malattie prima che abbiano la possibilità di passare a nuovi cicli di trasmissione.

Essere vicini a dove un virus è endemico non sempre rivela prove della sua comparsa. Attraverso l’esposizione regolare ai virus, gli esseri umani potrebbero non mostrare alcun sintomo di infezione. Può essere solo dopo che il virus si è spostato su una popolazione non esposta che ci sono casi sufficienti per la sua identificazione. Nel mondo altamente connesso di oggi, questo potrebbe essere dall’altra parte del globo.

 

Dobbiamo esaminare gli host

Se non è realmente fattibile determinare dove inizierà la prossima epidemia semplicemente guardando una mappa, cosa dovremmo fare? Ebbene, un metodo migliore è cercare di capire il ciclo di trasmissione endemica dei virus – cioè guardare gli animali e gli ambienti in cui i virus si replicano senza causare malattie umane – e poi lavorare nella direzione opposta.

Sapere quali virus esistono già negli animali può aiutarci a risalire all’origine delle malattie umane quando si verificano nuovi focolai. Questa conoscenza è essenziale per comprendere i potenziali rischi in diverse aree del globo. Può anche aiutarci a identificare quali fattori rendono più probabile la trasmissione dei virus agli esseri umani.

Ad esempio, con il Sars-CoV-2, è stata una precedente ricerca sui cicli di trasmissione del coronavirus nei pipistrelli in Cina che ha contribuito a identificare questi animali come probabile fonte dell’epidemia. Questo ora ci consente di indagare su cosa c’è nei pipistrelli perchè questi sono così spesso coinvolti nel passaggio di virus agli esseri umani.

È possibile che l’adattamento dei coronavirus ai pipistrelli aumenti la probabilità che possano passare ad altre specie di mammiferi, compresi gli esseri umani. Allo stesso modo, la fisiologia dei pipistrelli può renderli eccellenti portatori di virus. Tuttavia, altri lavori recenti suggeriscono che i virus più comunemente derivano dai pipistrelli semplicemente perché ci sono un gran numero di specie.