Covid-19 Trump immunità

L’obiettivo del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è quello di raggiungere l’immunità di gregge pur di non attuare nuove chiusure dovute al Covid-19. Per attuare ciò ha lanciato un forte appello alla Nazione; contagiare i giovani e le persone sane, lasciandole vivere la propria vita senza alcuna restrizione.

Gli scienziati sostengono che gli Stati Uniti dovrebbero cercare di ottenere l ‘immunità di gregge consentendo la diffusione naturale del virus attraverso la popolazione, mantenendo al contempo protetti solo i gruppi vulnerabili.

 

Covid-19, Trump aspira all’immunità di gregge

Alla fine un numero sufficiente di persone si ammalerà e si riprenderà e potenzialmente diventerà immune alla reinfezione, almeno per un certo periodo di tempo. Tuttavia i principali esperti di salute pubblica rifiuta categoricamente questa idea, sostenendo che porterebbe a milioni di morti e avrebbe un tributo incalcolabile su una popolazione piena di condizioni mediche sottostanti.

Anche loro sono contrari ai blocchi totali, ma misure come indossare la maschera e limitare le dimensioni delle riunioni possono abbassare il tasso di infezione. “Questa idea che abbiamo il potere di proteggere i vulnerabili è una totale assurdità“, ha detto Fauci in un’intervista della ABC News. “E se parli con qualcuno che abbia esperienza in epidemiologia e malattie infettive, ti diranno che è rischioso e finirai con molte più infezioni di persone vulnerabili”

Oltre a spingere per porre fine alle restrizioni e insistere sul fatto che il paese si apra completamente, Trump ha ripetutamente sottolineato che il virus colpisce solo gli anziani o quelli con condizioni preesistenti. Le attuali politiche di lockdown stanno avendo effetti devastanti sulla salute pubblica, a breve e a lungo termine.

L’approccio che bilancia i rischi e i benefici del raggiungimento dell’immunità di gregge, è quello di consentire a quanti sono a rischio minimo di morte di vivere normalmente la propria vita. Ciò per favorire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, proteggendo meglio coloro che sono a maggiore rischio. Si tratta di quella che chiamiamo protezione mirata.

Foto di StockSnap da Pixabay