sete cellule cervello

Un nuovo studio ha rivelato che il nostro cervello crea due tipi di sete a seconda di ciò che il nostro corpo ha bisogno. Il processo coinvolge due tipi di cellule cerebrali, una che risponde a una diminuzione del fluido nel nostro corpo, mentre l’altra monitora i livelli di sale e altri minerali.

Queste cellule della sete specializzate sembrano determinare se gli animali e le persone bramano l’acqua pura o qualcosa di simile a una bevanda sportiva, che contiene sale e altri minerali. Il nostro cervello può rilevare questi due stimoli distinti con diversi tipi di cellule, afferma Yuki Oka, professore di biologia al Caltech.

 

Sete, le cellule del nostro cervello ci dicono cosa bere

La ricerca di Oka fa parte di uno sforzo per comprendere la biologia del cervello alla base del comportamento che si vede nelle persone e in molti animali. Ad esempio, le persone che hanno appena terminato un allenamento lungo e sudato spesso sperimentano un tipo speciale di sete. Le bevande sportive come Gatorade generalmente includono una miscela di sale e zucchero, oltre all’acqua.

Per capire cosa scatena questo tipo di sete, il team di Oka ha studiato le cellule in due regioni del cervello dei topi. È noto che entrambe le regioni contengono neuroni coinvolti nella sensazione di sete. Il team ha indotto due tipi di sete nei topi. Uno è stato causato da una semplice mancanza di liquidi nel corpo. L’altro simulava la perdita di liquidi e minerali che si verifica durante un allenamento sudato; ogni tipo di sete sembrava produrre una risposta da un diverso tipo di cellula.

Per confermare che queste cellule sono veramente collegate al comportamento del bere, il team di Oka ha fatto un esperimento che ha dato ai topi l’accesso a due bottiglie. Uno conteneva acqua pura e l’altro una miscela di acqua e minerali, compreso il sale. Quindi il team ha utilizzato una tecnica chiamata optogenetica per stimolare ogni tipo di cellula della sete nei topi.

Il team si è concentrato su come le cellule nelle due regioni del cervello influenzano la sete. Ma gli scienziati dicono che questi e altri tipi di cellule sono probabilmente coinvolti nella regolazione di un’ampia gamma di funzioni e comportamenti corporei. “È solo correlato alla sete, o influenza anche la frequenza cardiaca o la pressione sanguigna o la regolazione della temperatura?” dice Claire Gizowski, una studiosa post-dottorato presso l’Università della California, a San Francisco. “Questi sono tutti interconnessi“.

La ricerca ha trovato collegamenti tra le cellule cerebrali coinvolte nella sete e quelle coinvolte nella pressione sanguigna. E dice che è probabile che molti farmaci per la pressione sanguigna agiscano sulle stesse aree del cervello che regolano l’assunzione di liquidi e sale. Capire come funzionano le cellule della sete nel cervello potrebbe anche aiutare alcuni malati e atleti. Si pensa che la prossima frontiera nella scienza della sete sia capire come il cervello anticipa la necessità di liquidi o sale.

Foto di Michael Tavrionov da Pixabay