diamanti-extraterrestri

Gli scienziati dell’Università di Francoforte che hanno scoperto i più grandi diamanti extraterrestri mai trovati ora smentiscono una teoria sulla loro formazione, presentando un’altra ipotesi per la loro genesi.

La posta in gioco sono diamanti fino a diversi micrometri che sono stati scoperti nelle ureiliti – un raro tipo di meteorite caratterizzato dalla loro concentrazione di carbonio relativamente elevata sotto forma di grafite e nano-diamanti – in Marocco e Sudan.

Successive analisi dei diamanti trovati rivelano strati di lonsdaleite (un polimorfo di carbonio esagonale) in nanodiamanti, una modifica che avviene solo attraverso l’applicazione di una pressione elevata e improvvisa. Nelle rocce sono stati trovati anche altri minerali che hanno rivelato i tipici segni di pressione d’urto.

I nostri nuovi studi approfonditi mostrano che questi rari diamanti extraterrestri sono stati formati da un’immensa pressione d’urto, che si è verificata quando un grande asteroide o anche un pianeta più piccolo si è scontrato con la superficie del corpo originale dell’ureilite“, ha spiegato il professor Frank Brenker of Geo-sciences dell’università tedesca e coautore dello studio.

Il nuovo studio, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica PLOS ONE, respinge la teoria secondo cui questi diamanti – simili a quelli trovati nelle viscere del pianeta Terra – potrebbero essere stati formati da una pressione continua all’interno di un protopianeta delle dimensioni di Marte o anche da Mercurio in un primo periodo del Sistema Solare, come è stato ammesso fino ad ora. Secondo Brenker, furono “all’epoca forze immense e distruttive” a dare origine a questi minerali.

Ph. credit: Robin Canup/Southwest Research Institute