pensier-negativi

Un nuovo studio suggerisce che il fatto che ci siano pensieri negativi che insistono ad essere ben presenti e a non scomparire dalla nostra testa può essere spiegato dal fatto che esistono ancora in un’altra parte del nostro cervello. Un team di scienziati ha mappato l’attività cerebrale di 15 persone mentre cercavano di sopprimere qualsiasi pensiero o immagine di una mela rossa o di un broccolo verde.

La sfida era evitare di pensare al cibo per soli 12 secondi, dopo che ai partecipanti è stato chiesto di guardarlo – e non di sostituirlo con un’altra immagine – solo per mantenere la mente lucida. Otto persone hanno riferito di aver soppresso con successo qualsiasi pensiero o immagine del frutto o della verdura menzionati, ma le loro immagini cerebrali suggerivano diversamente.

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per misurare la loro attività cerebrale, che rileva i cambiamenti nel flusso sanguigno. Quindi, per analizzare i dati è stato utilizzato un algoritmo adattato per rilevare la differenza nei modelli di attività cerebrale corrispondenti ai pensieri su frutta o verdura. Le immagini hanno mostrato che il pensiero volontario sui due ingredienti ha attivato il cervello sinistro dei partecipanti e il lato destro ha sparato quando hanno cercato di sopprimere tali pensieri.

 

Quando i pensieri negativi permangono!

Siamo stati in grado di trovare la rappresentazione visiva del pensiero, anche quando i partecipanti credevano di essere riusciti a togliere l’immagine dalla loro mente“, ha detto Joel Pearson, neuroscienziato cognitivo presso l’Università del New South Wales, in Australia. “La corteccia visiva – la parte del cervello responsabile delle immagini mentali – sembrava produrre pensieri senza esserne consapevoli. Ciò suggerisce che le immagini mentali possono formarsi anche quando stiamo cercando di prevenirle“, ha aggiunto.

In particolare, le rappresentazioni visive simili a immagini dei pensieri alimentari persistevano nella corteccia occipitale laterale, la parte del cervello che riconosce gli oggetti. “Questi risultati suggeriscono che il contenuto dei pensieri repressi esiste nascosto alla coscienza, apparentemente all’insaputa dell’individuo, dando una ragione convincente per cui la soppressione dei pensieri è così inefficace“, hanno concluso i ricercatori nello studio pubblicato ad agosto sulla rivista scientifica Journal of Cognitive Neuroscience.

Image by Comfreak from Pixabay