Superconduttore a temperatura ambiente

La ricerca di un vero materiale superconduttore a temperatura ambiente è sempre stata una delle più grandi sfide dell’ingegneria e della fisica. La capacità di spostare l’elettricità dal punto A al punto B con resistenza zero, e quindi senza nessuna perdita, sarebbe una svolta per l’umanità. Finora, ogni superconduttore conosciuto richiedeva temperature molto basse per funzionare. Oggi, gli scienziati hanno annunciato di aver raggiunto la superconduzione a 59 gradi Fahrenheit/15 Celsius. Sebbene questa temperatura sia ancora leggermente bassa, è possibile raggiungere i 59°F in un edificio ben climatizzato. Si tratta di una vera e propria svolta, ma non spiana immediatamente la strada verso una facile diffusione di questa tecnologia.

 

Come funziona il superconduttore a temperatura ambiente

Ci sono ancora due problemi che impediscono uno sfruttamento più efficace di questa scoperta. In primo luogo, il motivo per cui questa combinazione di elementi funziona non è chiaro. Il team di ricerca ha usato zolfo e carbonio, poi ha aggiunto idrogeno, formando idrogeno solforato (H2S) e metano (CH4). Queste sostanze chimiche sono state poste su un’incudine diamantata e compresse, quindi esposte a un laser verde per diverse ore per rompere i legami zolfo-zolfo.

Purtroppo, determinare l’esatta composizione del materiale si è rivelato finora impossibile. L’incudine di diamante impedisce l’uso dei raggi X, e le tecnologie esistenti che possono aggirare questo problema non sono in grado di localizzare gli atomi di idrogeno presenti in un reticolo. Gli sforzi del team per definire e comprendere la propria scoperta sono ancora in corso.

I ricercatori hanno anche un secondo problema urgente: per creare l’effetto superconduttore occorre una pressione di circa 2,5 milioni di atmosfere, ossia circa il 75 per cento della pressione che si trova nel nucleo della Terra, il che è difficilmente replicabile se non addirittura impossibile da replicare.

Per questi motivi, attualmente l’importanza di questa ricerca sta nel fatto che dimostra che i superconduttori a temperatura ambiente esistono davvero. Questo nuovo materiale funziona a una temperatura più alta rispetto a qualsiasi superconduttore precedentemente conosciuto, il che lo renderebbe un impressionante passo avanti anche se stessimo ancora lavorando con temperature sotto zero. Inoltre, questo studio pone le basi e un metodo valido per una futura risoluzione di questo mistero.

Ph. credits: Foto di Hans Braxmeier da Pixabay