profezie religiose

L’ingegnere George Davila Durendal ha sviluppato un algoritmo in grado di scrivere “testi biblici”. Lo strumento, soprannominato AI Jesus, ha imparato la lingua della Bibbia di Re Giacomo, una versione inglese delle scritture, per scrivere testi inediti nello stesso stile.

Questa intelligenza artificiale ha imparato il linguaggio umano e ha assorbito ogni parola del libro sacro. Secondo Durendal, si tratta di “un modello di elaborazione del linguaggio naturale che cerca di replicare lo stile della Bibbia di Re Giacomo, senza copiarlo interamente“.

 

L’esperimento

Dopo essere stata addestrata, la macchina è stata sfidata a creare testi inediti su tre temi: “La peste”, “Cesare” e “La fine dei tempi”. Sebbene il testo sia pieno di difetti caratteristici dei testi scritti dall’intelligenza artificiale – come l’uso eccessivo di certi termini, ad esempio “Lord”, – alcuni passaggi sono coerenti e sembrano bizzarre profezie apocalittiche.

Il programmatore ha evidenziato un estratto dal brano “La peste”: “O Signore degli eserciti, Dio d’Israele; Quando vedranno l’angelo del Signore sopra tutti i fratelli che erano nel deserto, i soldati dei profeti si vergogneranno degli uomini”. Nella scrittura dedicata alla “Fine dei giorni”, l’intelligenza artificiale scrive: “E quando lasciarono il mondo a venire, si udì una voce tra i morti nella città di Saul”.

Rispetto a sofisticati algoritmi di scrittura come GPT-2 e GROVER, AI Jesus è un ritorno al passato. Tuttavia, non è giusto incolpare un algoritmo che conosce solo scritture secolari per aver usato eccessivamente la parola “Signore”.

Il testo algoritmico di circa 30mila parole è consultabile su Github.

Image by Pexels from Pixabay