Covid-19 plasma

Un nuovo studio, randomizzato per capire se il plasma convalescente di pazienti con Covid-19 può essere una cura efficace contro il virus, non ha rilevato alcun benefico nei pazienti. Lo studio prevedeva l’assegnazione di pazienti affetti da Covid-19 moderatamente malati in 39 ospedali in tutta l’India a ricevere due dosi di plasma convalescente a 24 ore di distanza.

Il plasma convalescente è la parte liquida del sangue prelevata da volontari guariti da una malattia infettiva come Covid-19 e trasfusa in pazienti malati nella speranza che gli anticorpi neutralizzanti li aiutino a riprendersi. In questo studio, i livelli plasmatici di anticorpi sono stati misurati alla fine dello studio piuttosto che prima.

 

Covid-19, il plasma convalescente non porterebbe alcun beneficio

Il 19% dei pazienti assegnati a ricevere plasma sono morti entro 28 giorni, così come il 18% con cure usuali. Le morti di 3 partecipanti sono state registrate come possibilmente correlate al plasma convalescente. Livelli di anticorpi neutralizzanti erano disponibili per 224 dei 235 pazienti che hanno ricevuto plasma di convalescenza.

Il 71,4% ha ricevuto almeno un’unità di plasma con concentrazioni di anticorpi rilevabili. Non è stata osservata alcuna differenza in termini di peggioramento clinico o morte nei pazienti che hanno ricevuto plasma con concentrazioni di anticorpi elevate o non rilevabili o che hanno ricevuto solo le cure abituali.

I pazienti che ricevevano la terapia avevano maggiori probabilità di provare sollievo dalla mancanza di respiro e dall’affaticamento risultando negativi al virus dopo 7 giorni. Tuttavia non mostravano livelli inferiori di marcatori infiammatori. Gli autori hanno chiesto che la ricerca futura includa i test degli anticorpi prima dello studio senza dover chiarire ulteriormente il ruolo del plasma convalescente nel trattamento del Covid-19.

 

Non è privo di rischi somministrarlo

Il plasma convalescente nonviene associato a una riduzione della progressione verso Covid-19 grave o mortalità per tutte le cause“, hanno scritto. Questo studio ha un’elevata generalizzabilità e approssima l’uso del plasma convalescente in contesti di vita reale con capacità di laboratorio limitate. Sebbene il plasma convalescente sembrava aver alleviato la mancanza di respiro e l’affaticamento più velocemente delle cure usuali, i pazienti potrebbero essere stati influenzati.

Il plasma convalescente non è privo di rischi e può portare a coaguli di sangue, che sono anche una complicazione del Covid-19. Questi rischi dovrebbero essere attentamente studiati e considerati durante la progettazione di futuri studi clinici. Ai partecipanti dovrebbe essere somministrato solo plasma con livelli rilevabili di anticorpi per garantire ogni possibile beneficio.

I futuri studi dovrebbero essere in doppio cieco con finti controlli della procedura e che il plasma non immunitario, non dovrebbe essere utilizzato per i controlli a causa dei suoi potenziali danni e della disponibilità di interventi a basso rischio come la normale soluzione salina.

Foto di Ahmad Ardity da Pixabay