simulazione

L’ipotesi della simulazione è stata a lungo discussa in tutto il mondo e lascia nell’aria la domanda: il nostro universo è reale o un simulacro? La risposta non esiste ancora, ma un nuovo studio ha dimostrato che le probabilità sono 50/50.

Non capita tutti i giorni che un comico dia i brividi a un astrofisico mentre discute le leggi della fisica. Ma Chuck Nice è riuscito a farlo in un recente episodio del podcast StarTalk, un programma sullo spazio e la scienza, presentato dall’astrofisico Neil deGrasse Tyson.

Tyson aveva appena spiegato l’argomento della simulazione – l’idea che potremmo essere esseri virtuali che vivono in una simulazione al computer – quando Nice ha affermato: “Forse è per questo che non possiamo viaggiare più veloci della velocità della luce perché, se potessimo, saremmo in grado di raggiungere un’altra galassia“.

Da quando Nick Bostrom, dell’Università di Oxford, ha pubblicato un articolo sull’argomento della simulazione nel 2003, filosofi, fisici, tecnologi e persino comici hanno lottato con l’idea che la nostra realtà sia un simulacro. Ci sono quelli che hanno cercato di identificare i modi in cui possiamo discernere se siamo esseri simulati o anche calcolare la probabilità di essere entità virtuali.

Ora, un nuovo studio pubblicato ad agosto mostra che le probabilità che stiamo vivendo in una realtà simulata o in una realtà di base – un’esistenza che non è simulata – sono praticamente le stesse. Inoltre, l’analisi di David Kipping dimostra che, se gli esseri umani sviluppassero la capacità di simulare esseri senzienti, allora le probabilità sarebbero senza dubbio favorevoli alla possibilità che anche noi potremmo essere abitanti virtuali all’interno dei computer di altre persone.

 

Mondi virtuali e science fiction

L’argomento della simulazione di Bostrom si basa su un trilemma, in cui almeno un’affermazione deve essere vera: in primo luogo, gli esseri umani che raggiungono una fase di vita post-umana sono vicini allo zero; secondo, gli esseri umani interessati a eseguire simulazioni ancestrali sono prossimi allo zero; e, infine, la probabilità che stiamo tutti vivendo in una simulazione è prossima a una.

Ma prima di Bostrom, il film Matrix (1999) aveva già fatto la sua parte nel diffondere la nozione di realtà simulate e, nel 2016, Elon Musk ha ulteriormente rafforzato la possibilità che la nostra realtà sia una simulazione. “Musk ha ragione, se assumiamo che le proposizioni uno e due del trilemma siano false“, ha detto l’astronomo della Columbia University David Kipping.

Per comprendere meglio l’argomento della simulazione di Bostrom, Kipping ha deciso di ricorrere al ragionamento bayesiano, che consente di calcolare la probabilità che accada qualcosa (chiamata probabilità successiva), facendo ipotesi su ciò che viene analizzato (probabilità precedente).

Kipping ha trasformato il trilemma in un dilemma, riunendo le proposizioni uno e due in un’unica affermazione, poiché in nessuno dei due casi è possibile che stiamo vivendo in una simulazione. Quindi, il dilemma si oppone a un’ipotesi fisica (non ci sono simulazioni) a un’ipotesi di simulazione (c’è una realtà di base e anche simulazioni).

Una probabilità precedente è assegnata a ciascuno di questi modelli“, afferma Kipping. “Assumiamo solo il principio di indifferenza, che è il presupposto standard quando non ci sono dati o tendenze per nessuna delle parti“. La fase successiva dell’analisi richiedeva di pensare a quelle che vengono chiamate realtà “genitoriali” – quelle che possono generare altre realtà – e realtà “nullipare” – quelle che non possono simulare realtà discendenti.

Se l’ipotesi fisica fosse vera, allora la probabilità che stiamo vivendo in un universo nullipare sarebbe facile da calcolare: 100 percento.

E Kipping ha mostrato che, anche nell’ipotesi di simulazione, la maggior parte delle realtà simulate sarebbe nullipare. Questo perché quando le simulazioni generano più simulazioni, le risorse di calcolo disponibili per ogni generazione successiva diminuiscono al punto che la stragrande maggioranza delle realtà non avrebbe la potenza di calcolo necessaria per simulare realtà discendenti con esseri coscienti.

Se colleghiamo tutto questo in una formula bayesiana, otteniamo la risposta: la probabilità successiva che stiamo vivendo in una realtà di base è quasi la stessa della probabilità successiva che siamo una simulazione – le probabilità a favore della realtà di base sono un po’ più alte.

Ma, se gli umani creassero una simulazione con esseri coscienti al suo interno, queste probabilità cambierebbero drasticamente perché la probabilità che era stata precedentemente attribuita all’ipotesi fisica sarebbe stata alterata.

Si può semplicemente escludere questa ipotesi. Quindi, hai solo l’ipotesi di simulazione“, ha detto Kipping. “Il giorno in cui inventeremo questa tecnologia, le probabilità cambieranno in qualcosa di meglio di 50/50; rendendo quasi certo che non siamo reali, secondo questi calcoli. Sarebbe una festa molto strana per il nostro genio”, ha concluso.

Image by PIRO4D from Pixabay