Covid-19 immunità di gregge

I maggiori scienziati in Sud Africa hanno rilevato che il paese sia arrivato ad una forma di immunità di gregge collettiva contro il Covid-19. Il professor Shabir Mahdi, ha dichiarato di ritenere che il Covid-19 abbia stimolato un livello di immunità in circa 12-15 un milione di persone.

Al culmine della pandemia, il Sudafrica è stato classificato come il quinto paese più colpito al mondo. Il lockdown anticipato, appena tre settimane dopo il primo caso confermato, sembra aver risparmiato al Paese la rapida crescita esponenziale avvenuta in Italia e in Spagna.

 

Covid-19, il Sud Africa sta sperimentando l’immunità di gregge

Tuttavia la nazione non è stata in grado di fermare la diffusione, a differenza di Corea del Sud e Nuova Zelanda. I modelli matematici prevedono che in Sudafrica il Covid-19 provocherà un numero di morti compresi tra 40.000 e 48.000 entro la fine di quest’anno. “Quello che è successo in Sud Africa, l’unico modo per spiegarlo, è l’aver raggiunto una sorta di immunità di gregge quando combinato con l’uso di interventi non farmaceutici “, ha detto il vaccinologo.

Alcuni virologi sono rimasti sorpresi nello scoprire che in media il 40% degli intervistati avevano anticorpi contro il Covid-19 e la maggioranza non sapeva dell’infezione. Indicazioni preliminari da uno studio simile a Gauteng, rivelano che circa un terzo di quelli testati era stato infettato.

Questa immunità collegata al grande aumento delle infezioni, è probabilmente la ragione principale per cui abbiamo visto la diminuzione del numero di infetti. La comprensione degli gli scienziati sembra contraddire uno studio dei ricercatori di Londra, che hanno scoperto che il numero di persone con anticorpi Covid-19 è diminuito da 6% della popolazione a giugno al 4,4% a settembre.

Questo declino degli anticorpi non informa realmente cosa aspettarsi senza un adeguato interrogatorio di altri componenti del sistema immunitario. L’esperienza con il comune raffreddore e il Covid-19 è che l’immunità delle cellule T probabilmente dura 2-3 anni. Per gli scienziati c’è molto lavoro da fare e ulteriori studi saranno commissionati nelle prossime settimane con l’obiettivo di comprendere meglio come il virus si sia diffuso.

Foto di Victor He da Unsplash