vita-aliena

Allo stesso modo in cui noi, sulla Terra, abbiamo già rilevato diverse migliaia di pianeti attorno ad altre stelle, un’ipotetica civiltà aliena potrebbe aver rilevato la nostra presenza. Ma da quali posizioni nello spazio è possibile che ciò accada?

Con questa idea in mente, Lisa Kaltenegger, direttrice del Carl Sagan Institute della Cornell University, e Joshua Pepper, un fisico della Lehigh University, hanno deciso di fare i conti con questo dilemma e hanno scoperto che intorno a noi ci sono 1.004 sistemi stellari di cui alieni, se ce ne sono, potrebbero guardarci da molto lontano.

Ognuno di questi sistemi ha una linea visiva diretta sul nostro pianeta e molti sono anche abbastanza vicini a noi da rilevare le tracce chimiche lasciate dalla vita terrestre.

 

1.004 indiscreti occhi

Le 1.004 stelle identificate dai ricercatori sono all’interno della cosiddetta “sequenza principale“, cioè sono simili al nostro Sole e possono avere mondi simili alla Terra in orbita. Nessuno di loro dista più di 300 anni luce, il che li rende “vicini” che abitano la nostra stessa regione della Via Lattea. Il più vicino dista solo 28 anni luce.

Abbiamo ribaltato la situazione e ci siamo chiesti da quali punti di vista la Terra potesse essere rilevata con il metodo di transito“, ha spiegato Kaltenegger. Un pianeta in transito è quello che passa davanti a una stella che si trova nella linea di vista della Terra, oscurandone leggermente la luminosità, rivelando la sua presenza e fornendo indizi sulla composizione e le dimensioni del pianeta.

Quali sono questi sistemi stellari da cui sarebbe più facile ritrovarsi? Per scoprirlo, Pepper e Kaltenegger hanno stilato l’elenco delle 1.004 stelle più vicine utilizzando il catalogo degli esopianeti in transito dal satellite TESS della NASA.

Se alcune delle stelle sulla lista avessero osservatori a spiarci, “sarebbero in grado di vedere i segni di una biosfera nell’atmosfera del nostro punto blu. Possiamo persino vedere alcune di queste stelle, le più luminose, nel nostro cielo notturno, senza bisogno di binocoli o telescopi”.

I ricercatori ritengono che circa il 5% delle 1.004 stelle selezionate nello studio siano probabilmente troppo giovani perché la vita intelligente si sia evoluta, anche se attorno ad esse orbita un pianeta con condizioni abitabili.

Tuttavia, il restante 95% appartiene a categorie di stelle che possono sostenere la vita per miliardi di anni. Questo, almeno nell’esperienza della Terra, significa che è un tempo abbastanza lungo perché la vita intelligente si evolva.

La ricerca di esopianeti, nonostante tutti quelli che abbiamo già incontrato, non è facile. Di tutti gli esopianeti esistenti, solo una piccola parte si allinea con la nostra linea di vista in modo da poter vederli transitare nelle loro stelle. Il resto sarebbe impossibile da vedere dalla nostra posizione. “Tutte le oltre mille stelle che abbiamo identificato nel nostro studio potrebbero vedere la Terra muoversi attraverso il Sole e questo è qualcosa che attirerebbe la tua attenzione“, ha detto Pepper.

Se cerchiamo una vita intelligente nell’Universo, qualcuno potrebbe fare lo stesso e trovarci. Abbiamo appena creato la mappa stellare dei luoghi da guardare per primi” , ha concluso Kaltenegger.

Per i ricercatori, il passo successivo da compiere è chiaro: focalizzare le operazioni di ricerca per la vita intelligente sulle 1.004 stelle identificate.

Questo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista mensile Monthly Notice della Royal Astronomical Society.

Image by Thomas Budach from Pixabay