La luna di Halloween sarà una luna blu

Questo fine settimana gli appassionati di astronomia avranno una piacevole sorpresa. Il cielo di Halloween risplenderà con una fantastica luna piena, la seconda che apparirà nell’ottobre 2020 e la prima luna piena di Halloween che sarà visibile in tutti i fusi orari degli Stati Uniti in 76 anni. Non solo: gli esperti sostengono che si tratterà nientemeno che di una luna blu.

 

Luna piena di Halloween: bianca o blu? Mistero svelato

Il fatto stesso di essere la seconda luna piena nello stesso mese la rende una “luna blu”, anche se in realtà sfoggerà il suo solito colore giallo-biancastro. Questo fenomeno, naturalmente, ha una spiegazione scientifica.

Esistono due definizioni di luna blu, una più antica e una più recente. Secondo la vecchia definizione, se durante una stagione si verificassero quattro lune piene (invece di tre), come questa primavera, la terza verrebbe chiamata “luna blu”. Ma negli ultimi decenni, gli appassionati di astronomia hanno iniziato a usare questo termine per descrivere la seconda di due lune piene che appaiono nello stesso mese.

Ma la luna blu è davvero così rara? In realtà, la luna blu ad Halloween è rara come la luna piena. L’esperto spaziale della NASA Tony Rice afferma che in quel giorno la luna piena è sempre una luna blu, perché i cicli lunari durano 29,5 giorni circa e Halloween cade sempre il 31 ottobre. Quindi, se il 31 ottobre c’è la luna piena, sarà senza dubbio la seconda del mese, il che la rende una luna blu.

Gli esperti di astronomia sostengono che questo accada circa una volta ogni 19 anni, ma a volte il ciclo delle fasi lunari fa slittare la comparsa della luna piena all’inizio del primo novembre invece che al 31 ottobre. In tal caso, il fenomeno si verifica solo una volta ogni 38 anni.

Infine, una piccola curiosità: secondo il Farmer’s Almanac, dopo il 31 ottobre 2020 la prossima luna piena ad Halloween apparirà nel 2039, nel 2058, nel 2077 e nel 2096. Ciò significa che rientrerà nel ciclo dei 19 anni per cinque volte consecutive.

Ph. credits: Foto di Ahmed Radwan da Pixabay